rotate-mobile
Cronaca Riccione

La denuncia di un turista: "I miei figli sequestrati e picchiati dai buttafuori in discoteca"

Notte da incubo per tre fratelli che hanno denunciato la vicenda ai carabinieri dopo essere finiti al pronto soccorso per le lesioni riportate

Notte da incubo per tre fratelli, in vacanza coi genitori a Riccione, che hanno denunciato un pestaggio da parte degli addetti alla sicurezza di una discoteca di Riccione. I tre ragazzi stranieri, un 23enne, una 18enne, e un 17enne, nella notte tra martedì e mercoledì avevano deciso di trascorrere la serata a ballare e si erano recati nel locale sulla collina della Perla Verde. Qui, secondo quanto poi raccontato ai carabinieri, il 23enne  si era staccato dal gruppo per conoscere una ragazza e verso le 3 ha cercato di uscire dalla discoteca. Sarebbe stato a questo punto che, disorientato, invece di imboccare l'uscita si sarebbe infilato nelle cucine dove è stato sorpreso da un buttafuori che lo ha bloccato dicendogli "tu adesso da qui non ti muovi". Nonostante le spiegazioni e la richiesta di voler uscire, l'addetto alla sicurezza lo avrebbe afferrato e riportato sulla pista dove la sorella e il fratellino lo hanno visto venire trascinato in uno stanzino. La 18enne è quindi intervenuta per capire cosa stesse succedendo ma, anche lei, sarebbe stata bloccata dai buttafuori e portata in quella che hanno poi descritto come uno "sgabuzzino". Secondo il racconto dei due ragazzi, il 23enne sarebbe stato preso a schiaffi e pugni dagli addetti alla sicurezza e, anche alla ragazza, sarebbe stato riservato lo stesso trattamento. 

Finito il pestaggio, il 23enne ha proseguito il suo racconto spiegando che i buttafuori lo avrebbero trascinato all'esterno della discoteca facendolo cadere più volte a terra continuando a schiaffeggiarlo. Sarebbe stato a questo punto che il ragazzo è riuscito a divincolarsi e a fuggire scavalcando una recinzione per poi ritrovarsi in strada solo e spaesato. Verso le 5 il giovane ha quindi contattato i genitori col cellulare con questi che, svegliati all'alba, sono corsi in collina per recuperare il figlio che nel frattempo era riuscito a trovare anche i fratelli rimasti all'interno del locale. I famigliari hanno quindi chiesto l'intervento dei carabinieri e, sul posto, sono intervenute due pattuglie dell'Arma che hanno identificato i presenti. Sia il 23enne che la 18enne presentavano alcune lesioni al volto e, secondo quanto emerso, anche il 17enne sarebbe incappato nell'aggressione da parte dei buttafuori mentre cercava i fratelli all'interno della discoteca. Tutti e tre si sono recati al pronto soccorso dove, ad avere la peggio, è risultato essere il più grande che una volta medicato è stato dimesso con una prognosi di 7 giorni. Gli altri due, invece, se la sono cavata con 5 giorni a testa. Una volta usciti dal "Ceccarini", coi genitori si sono presentati alla caserma dei carabinieri per denunciare quanto accaduto.

"E' una cosa assurda quello accaduto ai miei figli - tuona il padre dei tre ragazzi. - Sono tutti bravissimi e, il più grande, sarebbe incapace di far del male a una mosca. La sua unica colpa è stata quella di aver sbagliato uscita ma, i buttafuori, non gli hanno dato nemmeno la possibilità di giustificarsi nemmeno fosse stato un delinquente. Quella, poi, di prendersela anche con la sorella che è stata raggiunta da un pugno al volto e col fratellino che lo cercava è addirittura una cosa inconcepibile. Sono 40 anni che vengo in vacanza in Romagna e anche i miei figli vengono spesso a trascorrere i fine settimana. L'ultima volta mio figlio è stato qui per la Notte Rosa ed è tornato anche dopo che in quella occasione era stato rapinato del borsello col portafoglio ma, dopo questa esperienza, non verremo mai più qui".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia di un turista: "I miei figli sequestrati e picchiati dai buttafuori in discoteca"

RiminiToday è in caricamento