Prima si ubriacano insieme e poi iniziano a prendersi a pugni

Necessario l'intervento dei carabinieri per riportare alla calma un terzetto di turisti inglesi in preda ai fumi dell'alcol

Si è conclusa all'ospedale la vancanza di tre turisti inglesi, un 58enne e due donne di 59 e 50 anni, che in preda ai fumi dell'alcol hanno iniziato a picchiarsi furiosamente. Il parapiglia si è scatenato in un residence di Rimini, nella notte tra giovedì e venerdì, quando il gruppetto era rientrato nella struttura ricettiva dopo aver passato la serata a bere. Non contenti, hanno proseguito ad ingurgitare alcol fino a quando, bicchiere dopo bicchiere, la situazione è degenerata. Pare che, tra i fumi dell'alcol, siano tornate a galla vecchie incomprensioni e i tre amici hanno iniziato a litigare animatamente. In un attimo, dalle parloe sono passati ai fatti e, ad avere la peggio, è stata 59enne aggredita dagli altri connazionali con calci e pugni al volto. Nonostante l'alto tasso alcolico, la signora è riuscita a fuggire dalla stanza e, in stato confusionale, si è rifugiata in bar. E' stato il barista, notando i lividi sul volto della donna, a dare l'allarme facendo accorrere sia una pattuglia dei carabinieri che l'ambulanza del 118. Portata in ospedale, l'inglese si è dimostrata parecchio reticente nel raccontare ai militari dell'Arma quanto accaduto ma, alla fine, gli inquirenti sono risaliti fino al residence. I due aggressori sono stati individuati mentre dormivano beatamente nei loro letti e, una volta identificati, denunciati a piede libero per lesioni personali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento