rotate-mobile
Cronaca

Ubriaco fradicio scatena il caos in un bar: prima si denunda e poi aggredisce la barista

Nonostante l'intervento dei carabinieri l'esagitato ha continuato a dare in escandescenza fino a quando è stato ammanettato per resistenza

Pomeriggio agitato, quello di mercoledì, in un bar di Mirmare dove quello che è stato poi identificato per un egiziano 25enne ha dato in escandescenza denudandosi e aggredendo barista e carabinieri. Il parapiglia è avvenuto verso le 18 quando, secondo le ricostruzioni, il nordafricano si è presentato nel locale ubriaco fradicio iniziando a molestare i presenti e pretendo un caffè e di andare nella toilette. Al rifiuto del titolare e dei dipendenti il 25enne si è trasformato in una furia aggredendo i presenti e strappando un braccialetto a una lavoratrice per poi denudarsi mostrando i genitali. Ne è nata una colluttazione ed è scattato l'allarme che ha fatto accorrere una pattuglia dei carabinieri ma, anche davanti alle divise, l'egiziano non ha dato segni di calmarsi.

Non senza fatica l'esagitato è stato caricato sull'auto di servizio dove ha continuato a dare in escandescenza per poi proseguire anche una volta arrivato in caserma dove ha opposto resistenza alla fotosegnalazione. Per riportarlo alla calma è stato necessario l'intervento del 118 coi sanitari che, arrivati negli uffici dell'Arma, hanno dovuto sedare il 25enne. Arrestato per resistenza, dopo aver trascorso la notte a smaltire la sbronza in camera di sicurezza, l'egiziano è stato processato per direttissima e condannato a 7 mesi con la sospensione della pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco fradicio scatena il caos in un bar: prima si denunda e poi aggredisce la barista

RiminiToday è in caricamento