Ubriaco e senza patente in moto: dopo la denuncia sputa contro gli agenti

Un riminese di 36 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato denunciato a piede libero con le accuse di guida in stato d'ebbrezza e guida senza patente

Si è messo alla guida di una moto nonostante fosse ubriaco ed avesse la patente revocata. Non pago ha sputato contro gli agenti della Polstrada che l'hanno fermato dopo un inseguimento. Un riminese di 36 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato denunciato a piede libero con le accuse di guida in stato d'ebbrezza e guida senza patente. L'episodio si è consumato nel cuore della nottata tra sabato e domenica, nei pressi di via Destra del Porto.

Erano circa le 2 quando una pattuglia, impegnata in un posto di controllo, ha intercettato una moto con a bordo due persone procedere a zigzag. Quest'ultimi, alla vista degli uomini in divisa, hanno cominciato ad urlare "gli sbirri....ci sono gli sbirri", dileguandosi. Ma la fuga non è andata in porto. Il conducente, 36enne, è stato sorpreso con un tasso oscillante tra 1,31 e 1,35 grammi per litro.

Da ulteriori accertamenti è emerso che aveva la patente revocata dalla Prefettura di Rimini dal 2010. L'individuo ha concluso così la notte brava con due denunce a piede libero, la prima per guida in stato d'ebbrezza e la seconda per guida senza patente. Una volta accompagnati e saliti in casa, sia il 36enne che l'amico, un cesenate di 33 anni, hanno cominciato a sputare dalla finestra contro gli agenti, sfiorandoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento