rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca Monte l'Abate / Via del Ciclamino

Uccisa a coltellate sulle scale del condominio, caccia all'assassino

La vittima trovata da una parente nella prima mattinata di mercoledì, anche l'arma del delitto non è stata trovata dagli inquirenti della Polizia di Stato

A trovare il cadavere di Pierina Paganelli, 78 anni, è stata la nuora che intorno alle 8 di mercoledì ha scoperto l'anziana riversa a terra nel seminterrato del condominio dove abitava nei pressi delle scale che portano ai piani superiori. La donna ha dato immediatamente l'allarme e, in via del Ciclamino nella frazione di Cà Acquabona di Rimini, è accorso il 118 ma i primi soccorritori si sono resi immediatamente conto che l'anziana era stata uccisa e hanno chiesto l'intervento della Polizia di Stato. E' iniziato così il giallo dell'omicidio di una donna dalla vita tranquilla descritta, da parenti e vicini, come una signora sempre indaffarata e disponibile con tutti. Divorziata da oltre 50 anni, quando lei decise di diventare una Testimone di Geova, il marito gestiva un hotel di Marebello per poi trasferirsi in Germania a Monaco di Baviera. Attualmente pare che la 78enne non avesse un compagno e l'unico cono d'ombra sulla sua vita era dovuto a un controverso episodio accaduto al figlio 54enne Giuliano Saponi. L'uomo, lo scorso 7 maggio, era stato ritrovato lungo via Coriano poco lontano dalla sua abitazione  riverso sull'asfalto da un gruppo di parrocchiani che stavano effettuando un pellegrinaggio a piedi verso Montefiore coi sanitari del 118 che già si stavano occupando del ferito. Saponi presentava sul corpo numerose lesioni che, in un primo tempo, avevano fatto ipotizzare a un incidente stradale provocato da un pirata che era poi fuggito. Il 54enne, da quel giorno, è ricoverato alla Sol et Salus per i gravi traumi. La donna aveva altri due figli che vivono a San Marino e a Savignano sul Rubicone.

Uccisa a coltellate sulle scale del condominio

Pierina Paganelli, secondo quanto emerso, si recava al capezzale del figlio tutti i giorni ma i parenti hanno raccontato che non dava più notizie di sè da martedì sera. La 78enne, ad un primo accertamento, presenta diverse ferite causate da una lama che al momento non è stata ancora ritrovata dagli inquirenti che hanno battuto palmo a palmo l'area in cui si è consumato il delitto. In via del Ciclamino è intervenuta una squadra della Polizia Scientifica da Bologna che ha eseguito i rilievi resi particolarmente difficili dallo spazio angusto in cui è stato trovato il corpo dell'anziana. L'arma del delitto non sarebbe stata ritrovata. Dopo una prima ricognizione da parte del medico legale, il cadavere è stato trasportato all'obitorio dell'ospedale di Rimini dove il pubblico ministero di turno che coordina l'indagine, Daniele Paci, ha disposto l'autopsia. L'esame potrebbe rivelare ulteriori dettagli di quello che, al momento, è un vero e proprio giallo.

Gli inquirenti della Squadra Mobile, infatti, tenderebbero ad escludere che dietro l'omicidio di possa essere una rapina finita male in quanto la borsa della vittima è stata ritrovata accanto al cadavere. A rendere più difficili le indagini, inoltre, ci sarebbe l'assenza di telecamere di videosorveglianza nelle immediate vicinanze della palazzina dove è avvenuto il delitto e dove la Paganelli abitava da circa 20 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisa a coltellate sulle scale del condominio, caccia all'assassino

RiminiToday è in caricamento