Un drone per prevenire lo sciacallaggio in occasione del bomba day

L'apparecchiatura è stata autorizzata dalla Questura di Rimini e sarà pilotata da un esperto della Protezione Civile

In vista dell’intervento per la rimozione e messa in sicurezza dell’ordigno bellico rinvenuto in via del Grano – programmato per la mattinata di domani (domenica 29 luglio) – la Questura di Rimini ha autorizzato l’utilizzo di un drone a supporto delle forze dell'ordine per la prevenzione di possibile eventi di sciacallaggio all’interno della zona rossa, per la quale è prevista l’evacuazione totale della popolazione. Lo strumento utilizzato è un drone professionale in dotazione al Coordinamento provinciale della protezione civile volontaria di Rimini, solitamente utilizzato per operazioni di ricerca e soccorso. Il drone – pilotato da personale dedicato dotato di apposito patentino Enac – sarà operativo durante le operazioni di messa in sicurezza dell'ordigno (rispetto alle quali è esclusa qualunque interferenza), seguendo un’attività pianificata in accordo con il Centro operativo intercomunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento