Un medico e dei nomadi pizzicati con un'ingente quantità di refurtiva

Operazione delle squadre Mobile di Massa Carrara e Reggio Emilia, il bottino provento di colpi anche nel riminese

In due distinte operazione il personale delle squadre Mobile di Massa Carrara e Reggio Emilia ha sgominato altrettante bande di ladri che, con tutta probabilità, hanno messo a segno diversi colpi anche nel riminese. In entrambi i casi nelle abitazioni degli arrestati sono stati scoperti numerosi gioielli, provento di furto, che sono stati sequestrati. Nella città toscana, a finire in manette, sono stati un medico italiano e due nomadi di etnia sinti con un ingente quantitativo di orecchini, bracciali, collane, anelli e pendenti. Nel caso vi sia certezza circa il riconoscimento degli oggetti, documentata con relativa denuncia di furto, prendere contatti con la Squadra Mobile di Massa Carrara al numero 0585494556.

Analoga operazione è stata eseguita il 27 febbraio scorso dalla squadra Mobile di Reggio Emilia: nella circostanza gli agenti hanno sequestrato in una villetta abitata da soggetti di origine sinti circa un chilo di gioielli in oro e numerosi orologi di valore. In quest’ultimo caso, gli oggetti preziosi sono visibili consultando il sito raggiungibile attraverso questo link. Nel caso di riconoscimento di oggetti preziosi si può comunque contattare la Questura di Reggio Emilia tramite la seguente mail squadramobile.re@poliziadistato.it, allegando il verbale di denuncia, eventualmente una fotografia del gioiello, ed un telefono per essere ricontattati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento