rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Un negozio al servizio delle persone più fragili: a Santarcangelo ecco l'emporio solidale

La sindaca Parma al taglio del nastro: “Tra gli obiettivi di mandato, è stato realizzato anche grazie alla spinta della comunità”

È stato inaugurato ieri mattina (domenica 23 ottobre) “U i è da magné”, il primo emporio solidale dell’Unione di Comuni Valmarecchia con sede in via Costa 32 a Santarcangelo: a tagliare il nastro la sindaca Alice Parma, l’assessore ai Servizi sociali e welfare Danilo Rinaldi, i volontari del gruppo Ci.Vi.Vo. Ven èulta Santarcangelo e i rappresentanti del progetto “La Luna”.
 
Il servizio – coordinato dai Servizi sociali dell’Unione di Comuni Valmarecchia – verrà infatti garantito proprio dai volontari del gruppo Ci.Vi.Vo., mentre grazie alla collaborazione attivata con la cooperativa La Fraternità, all’organizzazione dell’emporio parteciperanno anche ragazze e ragazzi con disabilità del progetto per l’autonomia personale “La Luna”.
 
Dopo l’apertura delle porte e il taglio del nastro, l’inaugurazione è proseguita nel cortile retrostante con un piccolo momento conviviale grazie al food truck del progetto Valmarecchia Comunità Solidale e ai banchetti di Avis e Banca del Tempo che hanno offerto rispettivamente pastasciutta, bevande e dolci.
 
“Quella che vedete qui davanti può sembrare la vetrina di un negozio apparentemente come tanti altri – ha affermato la sindaca Alice Parma – ma non è così: l’emporio solidale è un negozio speciale, un servizio pubblico a disposizione delle persone più fragili, risultato di una forte collaborazione tra Amministrazione comunale, associazioni e città. Da una parte c’è il lavoro delle assistenti sociali, che individuano i nuclei familiari che hanno bisogni particolari e li accompagnano in percorsi di autonomia, dall’altra ci sono i volontari che hanno scelto di impiegare parte del loro tempo libero per accogliere e aiutare le persone a fare la spesa”.
 
“L’emporio solidale è un progetto in cui crediamo molto: sulla carta era già presente nel programma di mandato – ha concluso la sindaca Parma – e la sua realizzazione è stata resa possibile grazie alla spinta di una città che negli anni difficili della pandemia si è stretta intorno ai suoi nuclei più fragili. Come spesso accade, Santarcangelo ha saputo reagire a un momento di crisi unendo le forze per aiutare le persone in difficoltà e proprio anche da questo sforzo nasce il nuovo emporio solidale della città”.
 
“Abbiamo scelto lo stabile di via Andrea Costa come sede dell’emporio perché è inserito all’interno del centro commerciale naturale di Santarcangelo – ha dichiarato l’assessore ai Servizi sociali e welfare Danilo Rinaldi –per dare dignità a un servizio e a un’utenza pari alle altre proposte commerciali presenti nel cuore della città, facilmente accessibile e dotato di un grande parcheggio nelle immediate vicinanze, e per favorire quello scambio di relazioni tra cittadini che solo la condivisione dei luoghi può dare”.
 
L’assessore Rinaldi ha poi concluso il suo intervento ringraziando il gruppo Ci.Vi.Vo. Ven èulta Santarcangelo, i rappresentanti del progetto “La Luna” della Cooperativa La Fraternità e Coop Alleanza 3.0 per la donazione di buoni spesa alimentari.
 
“U i è da magné” è un minimarket speciale dove i prodotti sono gratuiti, gli operatori sono dei volontari e i clienti famiglie in difficoltà, alle quali in questo modo tutta la comunità potrà donare un aiuto concreto, un gesto di solidarietà e vicinanza. L’emporio solidale garantirà l’accesso ai beni primari – cibo, prodotti per l’igiene della casa e della persona – senza scambio di denaro, ma attraverso una tessera a punti per accedere al servizio che sarà rilasciata dalle assistenti sociali dell’Amministrazione comunale.

 
Oltre a essere uno snodo fondamentale nella rete di relazioni attraverso la quale la comunità si prende cura delle persone più fragili e ognuno fa la sua parte per il bene comune, l’emporio solidale è anche uno strumento per contrastare lo spreco di cibo, riutilizzando le eccedenze alimentari del piccolo commercio e della grande distribuzione. Il nuovo servizio, inoltre, promuoverà un’idea di sviluppo sostenibile e condiviso attraverso azioni di fundraising e foodraising (raccolta fondi e alimenti).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un negozio al servizio delle persone più fragili: a Santarcangelo ecco l'emporio solidale

RiminiToday è in caricamento