Un pizzaiolo riminese sul podio al Campionato mondiale di pizza piccante

Al 18esimo Campionato mondiale di pizza piccante ha portato Rimini sul podio per ben due volte. In gara oltre 300 concorrenti agguerriti, arrivati da dieci nazioni diverse

Il pizzaiolo riminese Felice Di Maggio, 30 anni, fa strike al Campionato mondiale di pizza piccante, che si sono tenuti nei giorni scorsi a Scalea, cittadina in provincia di Cosenza. L’evento è stato organizzato dal Movimento pizzaioli italiani, dalla Scuola nazionale pizzaioli professionisti e dall’Università del gusto, con il patrocinio dell’Accademia italiana del peperoncino. Di Maggio, originario di Lampedusa, è ormai riminese d’adozione dal 2007 e dal 2014 è primo pizzaiolo al Bowling Seventies di Cerasolo, dove le sue pizze sono richiestissime.

Al 18esimo Campionato mondiale di pizza piccante ha portato Rimini sul podio per ben due volte. In gara oltre 300 concorrenti agguerriti, arrivati da dieci nazioni diverse, dalla Spagna al Venezuela. Felice Di Maggio si è aggiudicato il secondo posto nella categoria Pizza veloce e il terzo posto per la Pizza più larga. Un argento quindi per essere riuscito a stendere in 1 minuto e 50 secondi cinque impasti particolari e un bronzo per aver steso una pizza di 78 centimetri in 4 minuti. Ma non solo: Di Maggio si è classificato anche fra i primi venti nella categoria Pizza classica conquistando il palato dei giurati con il suo cavallo di battaglia: una pizza con crema di carciofi, mozzarella fiordilatte, pancetta di Mora romagnola, pomodorini del Piennolo, caciotta piccante e stracciatella di burrata. A Rimini è così tornato stringendo in mano due coppe e un attestato di merito.

“Sono entusiasta di questa esperienza – afferma Felice Di Maggio – amo molto il mio lavoro, ho iniziato giovanissimo a Lampedusa nel ristorante di mia nonna e poi sono voluto venire a Rimini per fare un’esperienza nella città del turismo mondiale. Mi sono poi fermato, qui vivo e lavoro molto bene, è difficile andare via”. Ma il segreto per la pizza perfetta? “Sicuramente una buona lievitazione e una buona maturazione dell’impasto, usare prodotti di ottima qualità così come scegliere le farine di un mulino di livello”. Dopo questo doppio podio Felice pensa già alle prossime gare: “Seguo sempre corsi di formazione e quando posso partecipo alle varie competizioni, in passato anche al Sigep, ad esempio, invece il 19 novembre parteciperò al Gluten Free Expo".

Felice Di Maggio secondo posto-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

Torna su
RiminiToday è in caricamento