Un Teatro fedele alla sua storia, ma con uno sguardo al futuro

Per il Galli una dotazione tecnologica all’avanguardia: la macchina scenica è totalmente computerizzata, pannelli touch screen per le luci di sala ‘green’ e due consolle per la regolazione dell’illuminazione di scena

Un Teatro fedele alla sua storia, ma con un motore decisamente proiettato nel futuro. Ricostruito nel solco del Teatro che fu, sia per gli spazi sia nell’apparato decorativo realizzato sulla base dei disegni originali di Poletti, il “Galli” nasconde un cuore modernissimo, in grado di coniugare alla bellezza e all’eleganza del teatro storico all’italiana, la spettacolarità che le più recenti strumentazioni tecnologiche possono offrire. Per la nuova vita del Teatro Galli si è scelto infatti un apparato tecnologico non solo adatto alle diverse esigenze – lirica, musica, prosa, dagli allestimenti operistici più impegnativi a quelli anche più immaginifici del teatro contemporaneo – ma soprattutto aperto alle future implementazioni, in grado cioè di accogliere le continue innovazioni in campo scenico. Per la movimentazione della macchina scenica è stato predisposto un controllo completamente computerizzato, con cui è possibile regolare la velocità e altezze nei vari cambi di scena. Il sistema di rete permette un controllo in vari punti del palcoscenico ed è fornito dalla ditta Decima, leader nel settore della meccanica di scena.

La fossa d’orchestra (golfo mistico) è mobile, divisa in due piattaforme, in modo tale da poter ospitare opere con l’orchestra completa mentre in occasione degli spettacoli di prosa può essere adibita per ospitare il pubblico. Per l’impianto di diffusione in sala è stato installato sistema a colonne per garantire l’ascolto in modo uniforme in tutta la sala; il teatro è stato dotato anche di una sala di registrazione audio e video per trasmettere in streaming e per la registrazione eventi. Per quanto riguarda  le luci della sala, restando fedeli nell’estetica e nella disposizione al progetto originale, si è scelta una illuminazione a led con lampade che possono essere controllate e regolate dalla consolle e dai pannelli touch screen in diversi punti del teatro. Un sistema - che replica l’effetto ‘lampada incandescenza’ – che oltre ad essere innovativo è anche ‘green’, comportando un risparmio energetico e di durata della lampada di dieci volte rispetto ad una normale lampada alogena. I pannelli touch screen possono controllare tutte le luci del palco e sala.

Per l’illuminazione degli spettacoli, aspetto fondamentale nell’allestimento di una qualsiasi messa in scena dalla più semplice alla più articolata, è stato predisposto un sistema di 240 dimmer, dispositivi per la regolazione di tutti i tipi di apparecchi illuminanti (Led  moving light o luci tradizionali) e un controllo con due consolle computerizzate. Tutto il sistema di controllo e potenza luci è della ditta ETC Leader mondiale nel settore dell’illuminazione teatrale. Un sistema tecnologico, audio e video in grado quindi che valorizzi il fascino storico del Teatro e che allo stesso tempo consenta ogni tipo di performance. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento