rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Cronaca

Un "tetto" per settore distinti, il progetto per un nuovo volto del "Romeo Neri"

Dopo la realizzazione del nuovo terreno di gioco, grazie ai fondi del Pnrr interventi anche in altri impianti sportivi della città

 Completato il primo step, con la realizzazione del nuovo terreno di gioco già pronto da inizio del mese, per lo Stadio Romeo Neri si pensa già al prossimo futuro. È infatti in fase di progettazione il secondo intervento previsto nel programma di riqualificazione dell’impianto comunale inserito nel piano triennale dei lavori pubblici e che consentirà la copertura della tribuna del settore distinti. Un’opera che garantirà un’adeguata protezione per gli spettatori, attraverso una soluzione di gradevole impatto visivo. Il progetto definitivo in corso di elaborazione prevede una copertura con una struttura metallica indipendente dall'esistente, realizzata a moduli in modo tale da poter essere utilizzata anche per ampliare la capienza attuale delle tribune e allo stesso tempo rendere tutto il settore distinti simmetrico rispetto al campo da gioco. Sono in programma valutazioni sulla struttura per capire la possibilità di una futura installazione dell’impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica. L’approvazione del progetto definitivo è prevista entro la fine dell’anno, per poter bandire la gara nei primi mesi del 2023 e avviare i lavori la prossima estate, al termine della stagione sportiva agonistica. Sempre relativamente al Romeo Neri è in programma entro l’anno l’efficientamento energetico della centrale termica, il cui progetto sarà approvato nelle prossime settimane.   

Gli interventi che interessano il Romeo Neri sono parte dell’importante lavoro di riqualificazione dell’impiantistica sportiva del territorio, che nei prossimi mesi vedrà l’Amministrazione comunale impegnata sia con nuove realizzazioni sia con una serie di opere di manutenzione straordinaria per aumentare l’accessibilità, le funzionalità e il confort delle strutture. Un programma che potrà contare anche sui fondi messi a disposizione dal Pnrr, grazie ai tre progetti candidati dall’Amministrazione Comunale e tutti ammessi ai finanziamenti statali, per risorse complessive pari a 7,5 milioni di euro. I progetti riguardano la riqualificazione di Rds Stadium per renderlo idoneo ad ospitare la nuova sede del Centro Federale della Danza Sportiva; il completamento e la rifunzionalizzazione della cittadella dello sport all’ex area Ghigi (per la quale la Giunta ha recentemente approvato l’intervento per la pulizia delle aree verdi, in via di programmazione); infine la realizzazione della nuova piscina comunale, il cui progetto definitivo, a seguito della conferenza di servizi, sarà approvato a breve. Attualmente è in corso la fase concertativo-negoziale tra Comune e Ministero dello Sport, che porterà alla sottoscrizione delle convenzioni. 

Per quanto riguarda il Palasport Flaminio, dopo gli interventi di efficentamento energetico realizzati lo scorso anno, sono in fase di completamento i lavori per il miglioramento sismico della struttura. Vale la pena sottolineare come siano in corso ragionamenti per verificare la possibilità in futuro di ampliare potenziare la funzionalità e i servizi sportivi del Flaminio attraverso nuovi miglioramenti e adeguamenti strutturali. Corposa anche la serie di manutenzione prevista su una serie di impianti e strutture del territorio e in corso di programmazione che interesseranno il campo da calcio in sintetico di Miramare in via Parigi, la pista da skateboard in via Bramante, il campo sportivo di Rivabella, che necessita della sistemazione della recinzione, oltre agli interventi per alcune conformità riguardanti le certificazioni antincendio, al campo sportivo di Miramare in erba naturale, alla palestra Carim e alla piscina comunale. Sono invece in corso le manutenzioni al pattinodromo Drudi di Viserba e alla palestra Panzini. In fase di completamento infine la manutenzione al campo da pallavolo della scuola Di Duccio.   

In corso anche interventi sugli impianti sportivi comunali gestiti da privati, come il Centro sportivo Waldorf, il Circolo tennis Viserba Monte e il Circolo tennis Torre Pedrera dove sono in corso i lavori per la realizzazione di nuovi campi da padel. Al centro sportivo di Rivabella è in corso di progettazione la realizzazione di uno spogliatoio dedicato ai due campi da tennis.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un "tetto" per settore distinti, il progetto per un nuovo volto del "Romeo Neri"

RiminiToday è in caricamento