Un venerdì di inteso lavoro per la Polizia

Una cinquantenne è finita nei guai per aver tentato di rubare quattro paia di scarpe. La donna per evitare problemi ha proposto il pagamento della merce

Venerdì d’intenso lavoro per gli agenti della Volante della Questura di Rimini. I poliziotti hanno denunciato due “lucciole” di nazionalità bulgara per inottemperanza all’ordinanza del sindaco che vieta la prostituzione sulla pubblica via. Nel corso della settimana sono state deferite a piede libero altre undici prostituzione. Una cinquantenne è finita nei guai per aver tentato di rubare quattro paia di scarpe. La donna per evitare problemi ha proposto il pagamento della merce.

Ma la commessa aveva già chiamato il 113. Portata in Questura, era senza documenti. Un’altra donna ha cercato di acquistare un iphone al centro commerciale “Le Befane” con documenti sospetti, per poi allontanarsi rapidamente. Venerdì sera i poliziotti hanno effettuato un sopraluogo di furto in via Goldoni, nell’abitazione di una signora. I “topi” hanno sottratto dell’oro, ancora in fase di quantificazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento