rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Montefiore Conca

Una comunità di carcerati nell'ex convento, Montefiore Conca insorge: "Non è il luogo adatto"

Secondo il Comune, l'idea di realizzare una Comunità educante con i carcerati nell'ex convento "mal si concilia con le esigenze e le peculiarità del borgo"

L'Amministrazione comunale di Montefiore Conca entra nel merito della possibile futura destinazione dell'ex Convento delle Suore situato all'interno dello storico borgo, che per anni ha accolto gli anziani del luogo, svolgendo un servizio socio assistenziale a favore della collettività.

"Da alcune settimane l'associazione Papa Giovanni XXIII sta conducendo una trattativa privata per ottenere la locazione dell'immobile - spiegano dal Comune - Sulla base di alcune verifiche che abbiamo effettuato e di quello che abbiamo potuto apprendere, il progetto attualmente al vaglio dell'associazione prevede di destinare i locali dell'ex Convento all'apertura di un Centro CEC (Comunità Educante con i Carcerati): un percorso educativo e formativo riservato ai detenuti che mira al loro possibile inserimento anche in contesti lavorativi. Si tratta senza dubbio di un'iniziativa lodevole e che merita il nostro plauso. Tuttavia, fin da subito alcuni residenti del borgo hanno sollevato alcune perplessità rispetto a questa ipotesi. Perplessità che sono state confermate anche nel corso di un incontro pubblico organizzato dall’Amministrazione per informare i cittadini della notizia appresa da qualche giorno, e svoltosi al teatro malatesta il 26 novembre, in cui alcuni cittadini si sono espressi contrariamente alla realizzazione del progetto e che nei giorni a venire ha portato a manifestazioni di dissenso e alla presunta nascita del Comitato cittadino “Montefiore Libera”. Non dimentichiamo che la struttura è sempre stata utilizzata per finalità sociali a favore degli anziani del paese e dei comuni limitrofi".

"Come Amministrazione comunale non possiamo che prendere atto dell'opinione dei nostri cittadini e dei dubbi che sono stati evidenziati nel corso dell'incontro pubblico e nei giorni seguenti - concludono - Il Sindaco e la sua Giunta, pur avendo sempre mantenuto un rapporto di proficua collaborazione con l'associazione Papa Giovanni XXIII che è una realtà riconosciuta in tutta Italia per il suo valore in campo sociale, ritiene che la collocazione di un CEC in pieno centro storico, a due passi dalla Rocca Malatestiana, mal si concilia con le esigenze e le peculiarità del nostro borgo, il quale ormai da molti anni si propone al pubblico anche come destinazione turistico a carattere storico, culturale, enogastronomico, etc., perplessità espresse in teatro anche dal Sindaco e rinnovate sabato pomeriggio nel corso di un’intensa telefonata al responsabile del progetto. Ci auguriamo quindi che l'associazione Papa Giovanni XXIII possa trovare un luogo più idoneo alla loro meritevole attività al di fuori del borgo di Montefiore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una comunità di carcerati nell'ex convento, Montefiore Conca insorge: "Non è il luogo adatto"

RiminiToday è in caricamento