menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una panchina rossa davanti al carcere: un simbolo dell'impegno a difesa delle donne

Un simbolo che gli operatori intendono dedicare alla costruzione di una rete di servizi per il trattamento degli uomini maltrattanti. La panchina è stata costruita da un detenuto

Alla casa circondariale di Rimini è stata inaugurata venerdì una panchina rossa contro la violenza sulle donne a simbolo dell'impegno che gli operatori penitenziari e del territorio intendono dedicare alla costruzione di una rete di servizi per il trattamento degli uomini maltrattanti sia all'interno del carcere sia in misura esterna. 

Hanno partecipato, insieme alla direttrice del carcere e presidente del Comitato Pari Opportunità della polizia penitenziaria Antonella Paloscia, al comandante del reparto Stefano Cesari ed al capo area educativa Vincenzo Di Pardo, anche la vicesindaca del Comune di Rimini Gloria Lisi, la direttrice dell'U.E.P.E. di Rimini Barbara Gualandi, i responsabili della Asl Alfonso Casadei e Stefano Melandri e lo psicologo Vincenzo Vannoni del centro di Ascolto Dire- Uomo. La referente regionale del C.P.O. Rita Calanca ha portato anche il saluto del provveditore regionale dell'Emilia Romagna e Marche Gloria Manzelli. La panchina rossa è stata realizzata interamente all'interno del carcere grazie all'opera di un detenuto.

panchina rossa - carcere rimini-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento