Urla frasi sconnesse dal terrazzo poi si accascia a terra e muore

A perdere la vita è stato un 42enne che, nella mattinata di sabato, è deceduto davanti ai vicini

Un mistero che, solo una prima ricognizione del cadavere, potrà sciogliere quello dell'improvvisa morte di un 42enne riccionese che, nella mattinata di sabato, si era affacciato sul terrazzo della propria abitazione di viale Tasso urlando frasi sconnesse. Uno stato di agitazione che ha messo in allarme i vicini i quali, oltre al 118, hanno chiamato anche i carabinieri. Non è chiaro cosa l'uomo stesse urlando dal momento che, alcune versioni, sostengono che il 42enne chiedesse aiuto mentre, altre, parlano di un'intenzione di farla finita. All'improvviso, però, l'uomo si è accasciato a terra e a nulla sono valsi gli sforzi del personale del 118, già arrivato sul posto, per rianimarlo e il medico non ha potuto far altro che constatarne il decesso. Sarà il pubblico ministero di turno, una volta letta la relazione dei carabinieri, a decidere se eseguire l'autopsia sul corpo del 42enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Ristoranti aperti solo per i conviventi, Conte: "Chiediamo a tutti di rispettare le regole"

  • Dpcm 3 dicembre: feste di Natale solo tra conviventi, viaggia solo chi deve rientrare nella residenza

Torna su
RiminiToday è in caricamento