Cronaca

Valentino Rossi dimesso dall'ospedale, il "Dottore" proverà a correre al Mugello

Il 9 volte campione del mondo ha lasciato l'Infermi di Rimini verso le 17 per tornare nella sua Tavullia

Ha lasciato il reparto di terapia Intensiva dell'ospedale di Rimini verso le 17, dopo che i medici avevano dato l'ok, Valentino Rossi ricoverato nel nosocomio in seguito alla brutta caduta rimediata giovedì scorso durante un allenamento sulla pista di cross. Il 9 volte campione del mondo è così tornato nella sua Tavullia da dove, secondo quanto emerso, si riposerà in vista dell'appuntamento con la pista del Mugello. L'Infermi di Rimini per tutta la giornata di venerdì è stato assediato da televisioni, fotografi e giornalisti mentre, davanti al reparto di Rianimazione, gruppetti di tifosi fanno la spola per consegnare agli infermieri lettere di auguri per l'illustre paziente. Fin dalla mattina erano migliorate le condizioni di Valentino Rossi dopo che, nel tardo pomeriggio di giovedì, era stato costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso del nosocomio riminese a causa di una brutta caduta durante un allenamento sulla pista da cross di Cavallara. Un infortunio in seguito al quale il 9 volte campione del mondo ha riportato un trauma toracico addominale e, per assoluta precauzione, era stato trattenuto nel reparto di Rianimazione per ulteriori controlli che, nella mattinata di venerdì, hanno dato riscontri positivi per la salute del 38enne. 

L'ultimo bollettino, diramato dalla team Movistar Yamaha MotoGp, parlava di "un leggero trauma toracico e addominale" e che "Rossi sta compiendo progressi positivi nel suo recupero. Durante la visita, viene aggiunto, "Valentino ha detto che sta vivendo meno dolore sia nel petto che nell'addome, rispetto alla notte. Non vi sono ulteriori complicazioni. Nelle prossime ore sarà sottoposto a prove diagnostiche di routine. Se i risultati sono positivi, potrà esser dimesso dall'ospedale nelle prossime ore".

Una situazione confermata anche da Alessio Salucci, meglio conosciuto come Uccio, storico e inseparabile amico di Valentino Rossi, che nella mattinata di venerdì ha visitato il dottore nel reparto di Rianimazione. "L'umore è alto - ha spiegato Uccio - e Vale spinge già per tornare a casa e prepararsi al Gran Premio d'Italia sulla pista del Mugello. Anche le condizioni fisiche sono buone, nonostante la bella botta che ha preso, e comunque è tutto a posto". E proprio in vista del prossimo appuntamento del Motomondiale, Uccio ha sottolineato che "prima viene la salute ma, subito dopo, il Gp. Allo stato attuale, nelle prossime ore si valuterà il da farsi ma, conoscendo la fibra di Valentino, ci sono ottime possibilità che sia in pista. I dottori del reparto sono stati bravissimi e speriamo che, tra oggi e sabato, possa tornare a casa. Lui è una roccia e, ogni ora che passa, sta recuperando. Come ho detto, vuole soltanto tornare a casa e già vuole pensare al Mugello". Sulla dinamica dell'incidente al crossodromo, Uccio ha spiegato che l'amico "è dispiaciuto ma sono cose che capitano in allenamento, però prima di questo week end, che forse è il week end più importante per noi e per lui, dispiace ancora di più, ma sono cose che possono accadere quando ti alleni". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valentino Rossi dimesso dall'ospedale, il "Dottore" proverà a correre al Mugello

RiminiToday è in caricamento