Vedeva cellulari taroccati a un gruppo di stranieri, nei guai un riminese

Il giovane è stato pizzicato in flagranza dalla polizia Municipale di Bellaria mentre cercava di appioppare i telefonini dopo una trattativa su internet

Nella giornata di domenica il personale della polizia Municipale, durante il controllo del territorio, ha sventato un tentativo di truffa ai danni di tre ragazzi originari del Senegal. Verso le 16 gli agenti hanno visto i tre extracomunitari parlottare con un giovane italiano e, insospettiti, hanno fermato il quartetto nella piazza del Comune. E' emerso che gli stranieri erano entrati in contattato l'italiano, un riminese 22enne, attraverso un sito internet sul quale il giovane aveva messo in vendita dei cellulari di ultima generazione e si erano quindi dati appuntamento per concludere la transazione. Peccato che gli smartphone, due Samsung S4 e un Iphone 5, erano in realtà delle repliche abilmente contraffatte. I cellulari sono finiti sotto sequestro e, il 22enne, è stato denunciato a piede libero per ricettazione e commercio di prodotti falsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento