menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendeva merce falsa, nei guai dipendente comunale

Aveva creato un traffico internazionale di prodotti contraffatti, guadagnando dal 2009 circa 180mila euro. Un dipendente comunale è finito nel mirino della Guardia di Finanza di Rimini

Aveva creato un traffico internazionale di prodotti contraffatti, guadagnando dal 2009 circa 180mila euro. Un dipendente comunale è finito nel mirino della Guardia di Finanza di Rimini a seguito di un'indagine coordinata dal pm di Forlì, Antonio Bartolozzi, iniziata il 24 gennaio del 2011. Il giudice per le udienze preliminari Luisa Del Bianco ha disposto il sequestro preventivo di  beni mobili ed immobili per "pareggiare" la somma illecitamente intascata.

Sono stati sequestrati nel corso dell'operazione 44 orologi da polso fasificati, un computer, una penna usb e una sd card. L'attività illecita è stata scoperta attraverso le analisi del conto corrente postale dell'indagato. L'uomo è accusato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, con l'aggravante di aver commesso il fatto in maniera sistematica anche attraverso l'allestimento di mezzi ed attività organizzate.

il Comune di Rimini ha precisato in una nota "che il dipendente comunale in questione, coinvolto in un’ inchiesta giudiziaria per la vendita d’orologi con marchi contraffatti, è sotto procedimento disciplinare dal 24 gennaio 2011 e da allora trasferito dalla Protezione civile dove era inquadrato come impiegato di categoria “C” ai Servizi sociali comunali con lo stesso profilo giuridico. Un procedimento disciplinare attualmente sospeso in attesa dell’esito della vicenda penale".

Viene precisato inoltre "che il dipendente in questione non ha mai avuto la responsabilità della protezione civile del Comune di Rimini, dove fino al 24 gennaio 2011 ha prestato servizio. Il responsabile della Protezione civile del comune di Rimini, allora come oggi, è sempre stato il Comandante della Polizia municipale Dott. Vasco Talenti". L’Amministrazione comunale, conclude la nota, "seguendo con attenzione l’esito del procedimento penale in corso, adotterà tutti i provvedimenti di propria competenza, anche i più rigorosi, finalizzati a tutelare l’ente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento