Vendita truffa su internet, denunciato riminese che ha raggirato un anziano

Il malvivente aveva incassato l'acconto per poi sparire facendo perdere le proprie tracce

I Carabinieri della Stazione di Nocera Umbra hanno denunciato un uomo di 40 anni residente a Rimini, responsabile dell'ennesima truffa on line nell'acquisto di beni, di fatto mai consegnati. La vittima è un anziano nocerino, il quale si era mostrato interessato all'acquisto di una Fiat Panda sul sito subito.it. Il modus operandi è sempre lo stesso. Un'inserzione sul web dove vengono mostrate alcune foto del veicolo, il prezzo vantaggioso e l'abilità del truffatore nel raggirare la vittima. Quest'ultima, dopo un contatto telefonico avuto con il venditore, che lo ha rassicurato sulla bontà della trattiva e la regolarità della documentazione, ha versato la somma di 570 euro, in acconto, su una Postepay. Naturalmente, l'autovettura non è mai stata consegnata e del venditore più nessuna traccia. All'anziano non è rimasto altro che rivolgersi ai Carabinieri, che hanno immediatamente attivato le indagini, effettuando accertamenti postali e sulle utenze cellulari utilizzate dal truffatore per farsi contattare dalla vittima di turno, giungendo, così, a scoprire la reale identità dell'inserzionista. Dall'attività d'indagine svolta è stato accertato che il reo, anche in passato, si era reso responsabile di analoghi fatti a danno di vittime residenti sul tutto il territorio nazionale. I militari della Compagnia di Gubbio, anche su input del Comando Provinciale di Perugia, sono molto attenti al fenomeno delittuoso delle truffe on line, oggi sempre più diffuso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

  • Il ristoratore malato di Coronavirus era rientrato in Italia da pochi giorni

Torna su
RiminiToday è in caricamento