Venditore porta a porta troppo molesto, intervengono i carabinieri

Il giovane, presentandosi come dipendente di una compagnia di forniture elettriche, con insistenza e maleducazione cercava di appioppare nuovi contratti

Verso le 12 di sabato un riccionese, residente in via Giuseppe Verdi, è stato costretto a chiamare i carabinieri per far allontanare un venditore porta a porta troppo molesto. Il giovane, presentatosi come un dipendente di una compagnia di forniture elettriche, con insistenza e maleducazione cercava a tutti i costi di appioppare un nuovo contratto. Quando i militari dell'Arma sono arrivati sul posto hanno identificato il venditore, di fatto dipendente di una società privata di Pesaro, in un campano già noto alle forze dell'ordine che, nei giorni precedenti, aveva già molestato altri cittadini riccionesi con le medesime modalità. Inoltre, l’uomo è si dipendente di una società pesarese ma non è autorizzato a fare servizio di porta a porta. I carabinieri, dopo averlo fatto allontanare, non sono tuttavia riusciti a contattare il responsabile dell'azienda pesarese per informarlo dei metodi utilizzati per la vendita escogitati dal campano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento