rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Verde pubblico, campagna per la lotta alla processionaria. Trattati oltre 120 pini e cedri

In corso anche la piantumazione di nuovi alberi, in via Garibaldi l’aiuola realizzata grazie alla donazione della Banca del Tempo

È partita nei giorni scorsi la campagna per la lotta alla processionaria dei pini e dei cedri, con il trattamento endoterapico di 121 alberi pubblici. I tecnici Anthea hanno infatti somministrato prodotti fitosanitari che consentiranno l’immunità alle piante del Centro sportivo (via della Resistenza e Trasversale Marecchia), in diverse zone della frazione di San Vito, nelle scuole Ricci, Drago, Franchini, Saffi e alla sede della Cet a San Michele.

Il trattamento è una misura di prevenzione che impedisce il formarsi di uova e – in primavera – dei bruchi, particolarmente pericolosi per persone e animali domestici: i peli degli insetti contengono infatti sostanze urticanti con azione necrotica. Al fine di rendere più incisiva la lotta alla processionaria, i proprietari di alberi soggetti a tali infestazioni sono invitati a effettuare i trattamenti preventivi o a rimuovere manualmente i nidi che compaiono nel corso della primavera. Il periodo ideale per i trattamenti endoterapici è quello compreso fra dicembre e gennaio – quando la linfa delle alberature è meno fluida – mentre dal mese di febbraio i privati sono tenuti a rimuovere meccanicamente gli eventuali nidi, avvalendosi di imprese specializzate, tagliando i rami infestati e smaltendo correttamente i rifiuti.

Chiunque riscontrasse la presenza di nidi o larve può comunque segnalarlo allo Sportello al Cittadino. Per maggiori informazioni è inoltre possibile consultare la scheda dedicata sul sito internet del Comune. Sempre rispetto al verde pubblico, nelle scorse settimane è iniziata anche l’attività di nuove piantumazioni: una quarantina tra piante e arbusti collocati in parchi e aiuole del Capoluogo, nelle frazioni di San Martino dei Mulini e Sant’Ermete.

“Tra queste nuove piantumazioni, l’aiuola realizzata in via Garibaldi con gli arbusti ornamentali di mirto crespo, penniseto e gaura – afferma la vice sindaca e assessora all’Ambiente, Pamela Fussi – è stata finanziata grazie a una donazione della Banca del Tempo, che ringrazio a nome dell’Amministrazione comunale per la generosità dimostrata”.

“Di fronte a uno sforzo per la cura del verde pubblico, è altrettanto necessario un impegno collettivo che passa anche dai proprietari dei terreni privati per evitare situazioni di pericolo, danni a persone o veicoli. Anche per garantire la salute delle stesse piante invito tutti i cittadini a prendersi cura dei propri spazi verdi, provvedere alla potatura e ai dovuti trattamenti dei propri alberi e arbusti nonché alla manutenzione dei fossi di scolo. In particolare – conclude la vice sindaca Fussi – per garantire la sicurezza e incolumità dei passanti è necessario mantenere ben potati siepi e arbusti che sporgono dalle recinzioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verde pubblico, campagna per la lotta alla processionaria. Trattati oltre 120 pini e cedri

RiminiToday è in caricamento