menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verde pubblico, San Clemente punta su ridotto consumo energetico e zero concimi chimici

Questi i principi ispiratori della riqualificazione/cura delle micro-aree di verde pubblico presenti lungo via Tavoleto fino all’incrocio con via Monte Casale nella frazione di Sant’Andrea in Casale

Bassa manutenzione e alta sostenibilità. Questi i principi ispiratori della riqualificazione/cura delle micro-aree di verde pubblico presenti lungo via Tavoleto fino all’incrocio con via Monte Casale nella frazione di Sant’Andrea in Casale. “Non è più concepibile l’idea di un verde pubblico stradale irrigato ogni giorno - anche con acqua potabile - con fioriture stagionali - belle a vedersi ma che necessitano di sostituzione due volte l’anno - diserbato e concimato chimicamente e con notevole produzione di rifiuti derivanti da sfalci e potature. L’obiettivo, in buona parte già realizzato, lungo via Tavoleto corrisponde - dice l’Assessore all’Ambiente, Fabio D’Erasmo (foto in allegato) - alla volontà di creare nuove aiuole senza far ricorso alla chimica; a basso consumo energetico; minimo impiego d’acqua e rifiuti pari a zero. Il costo degli interventi è stimato in poco più di 10mila euro”. 

Via Tavoleto lato San Clemente - I lavori lungo via Tavoleto, lato San Clemente, sono stati suddivisi in tre fasi. La prima relativa alla preparazione del terreno attraverso la rimozione degli arbusti, la ripulitura della superficie e l’eliminazione delle infestanti. La seconda tramite l’aggiunta di un apposito composto agricolo di qualità utile a dare la giusta fertilità e garantire il nutrimento alle piante nel corso degli anni (senza apporto di concimi chimici). La terza, con la messa in sicurezza dell’alberature già esistenti - mediante potatura - raccordando poi il terreno alla strada e al marciapiede. 

Aiuola via Monte Casale - “L’aiuola su via Monte Casale - spiega l’Assessore D’Erasmo - di per sé già pianeggiante segue invece un altro percorso: qui si punta a realizzare un prato alternativo ai tradizionali con l’inserimento di tappezzanti - graminacee ornamentali - che ben tollerano i periodi siccitosi e danno solidità all’impianto. Si insedieranno inoltre altre varietà in modo da favorire una particolare ricchezza di fioriture, facili da mantenere e di grande piacevolezza cromatica da marzo ad ottobre”. Nell’aiuola su via Monte Casale, l’irrigazione di soccorso - solo nei mesi più caldi - verrà assicurata da un sistema a goccia (consumo idrico minimo).

Via Tavoleto lato Conca - Qui è collocata un’asola, tra il muretto privato e il marciapiede, senza alcuna disponibilità idrica. Oltre a rinnovare il terreno, si è optato per una piantumazione vegetale davvero molto resistente alla siccità. Il problema delle infestanti sarà limitato - per quanto possibile - grazie al posizionamento ravvicinato delle essenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

Attualità

Simona Ventura fa tappa anche in un famoso locale della Valmarecchia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento