menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verucchio mette il turbo sui sostegni: le misure in aiuto alle attività

Il sindaco: "Gli spazi esterni per locali e negozi su aree pubbliche saranno concessi gratuitamente fino a fine 2021. Giunta al lavoro per la proroga dei tributi e ad esoneri e riduzioni di alcuni"

Avanti tutta e tutti insieme verso nuove misure di sostegno a 360 gradi per le attività economiche del territorio. Questa lo spirito comune scaturito dal nuovo incontro della Consulta del Commercio e delle Attività Economiche di Verucchio, tavolo di confronto nato nel 2020 in piena pandemia per raccogliere istanze ed esigenze degli esercenti e degli imprenditori e concordare appunto percorsi condivisi per affrontare in primis l’emergenza Covid e in futuro le varie azioni strategiche. Nel nuovo appuntamento di qualche giorno fa con l’amministrazione comunale rappresentata dalla sindaca Stefania Sabba erano presenti Giovanni Bucci per Cna provinciale, la referente locale di Confcommercio Giovanna Giusto e i referenti degli esercenti del capoluogo Alessandra Della Torre e di Villa Verucchio Michele Fabbri e Paolo Gabriele.

L'intervento di Cna e Confcommercio

Un punto della situazione sui provvedimenti di chiusura, le difficoltà affrontate dal comparto e le forme di sostegno che il Comune intende mettere in campo in questo 2021, questo l’ordine del giorno della nuova riunione del tavolo, in cui i portavoce degli esercenti hanno sottoposto all’amministrazione comunale istanze ben precise. In primis la proroga fino a fine anno dell’opportunità di usufruire gratuitamente degli spazi esterni sia permanenti che temporanei. In secondo luogo il posticipo al 31 dicembre di tutti i tributi comunali, l’esonero dall’imposta sulla pubblicità e una forte riduzione sulla Tari. Il tributo più pesante nei bilanci delle attività. “La gratuità viene confermata per tutto il 2021sia per le imprese di somministrazione che per il commercio su aree pubbliche. Chi ne ha già usufruito lo scorso anno potrà riottenerla in maniera immediata attraverso una manifestazione d’interesse rispondendo alla mail che riceverà dagli uffici nei prossimi giorni, chi invece volesse goderne per la prima volta dovrà seguire la procedura predisposta con l’Ufficio Occupazione Suolo Pubblico” ha immediatamente rassicurato la sindaca Sabba, fornendo massima disponibilità anche sulle altre richieste ricevute: “Gli uffici e la giunta sono già al lavoro sia sulla possibilità di proroga a fine anno di tutti i tributi che sull’esenzione e la riduzione sollecitate: ci adegueremo immediatamente all’esito della sollecitazione nazionale in tal senso portata avanti da Anci e in tempi brevi dovremmo essere in grado di fornire una risposta dettagliata”.

Al tavolo si è poi discusso di ogni forma di sostegno e del finanziamento delle misure e si è condiviso un percorso ben preciso. “Lo scorso anno abbiamo stanziato 120.000 euro a fondo perduto per attività economiche (60.000) e associazioni del terzo settore (30.000) e 18.000 euro dei primi sono rimasti nel cassetto per mancanza di richieste da parte dei commercianti e degli imprenditori. Questi verranno sicuramente recuperati e implementati utilizzando nuovamente parte dell’avanzo di bilancio disponibile e, se possibile, l’avanzo del ‘fondone 2020’. L’esatto ammontare di entrambi sarà computabile nel giro di un mese, dopo l’approvazione del Rendiconto 2020 che avverrà in consiglio comunale entro aprile e dopo la rendicontazione ufficiale del secondo prevista a maggio. Pur essendo ancora in attesa che il Governo ci confermi se potremo usufruirne: c’è stata una sollecitazione ufficiale in tal senso anche attraverso Anci e siamo infatti in attesa di risposta” spiega la prima cittadina, ringraziando i vari partecipanti alla Consulta: “Ho molto apprezzato l’atteggiamento con cui si sono interfacciati con il Comune, evidenziando di essere costretti a chiedere ristori perché oramai disperati per la lunga inattività, ma di auspicare soprattutto di poter tornare a lavorare al più presto. Non si chiede mero assistenzialismo, ma di trovare una formula per riaperture repentine e definitive e ci mettiamo a disposizione con il massimo impegno in quelle che sono tutte le possibilità noi concesse”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ritenzione idrica: come eliminarla in poche mosse

Ristrutturare

Come trasformare una finestra in un balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento