rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Il vino frizzante made in Rimini vuole fare "Boom", sarà protagonista nella nuova edizione del Vinitaly

Spiccheranno le iconiche finestre variopinte dell’azienda vinicola dei Colli di Rimini, che dei colori ha fatto la sua cifra distintiva, ricordando la gioiosità della Romagna

Vini San Valentino partecipa (dal 10 al 13 aprile) a Vinitaly, l’evento fieristico più atteso del mondo del vino. Al padiglione 7, stand E01, spiccheranno le iconiche finestre variopinte dell’azienda vinicola dei Colli di Rimini, che dei colori ha fatto la sua cifra distintiva, ricordando la gioiosità della Romagna. A partire dalle riserve di Sangiovese premiate negli anni dalla critica di settore - ultimi i 91 punti assegnati da James Suckling al Terra di Covignano Riserva di Sangiovese 2017 – passando per i Cru come il Mascarin, Syrah in purezza, che di recente ha partecipato da protagonista insieme ad altri Syrah all’evento Chianina&Syrah di Cortona, fino alla linea ViVi ispirata a wonder woman, l’azienda riminese porta in scena la sua realtà con le etichette celebri e la  gamma di Sangiovese, oltre alle più gustose novità del 2021.

Tra queste il “Boom”, il primo vino frizzante prodotto da San Valentino, da uve Bombino bianco e rifermentato in bottiglia con un’etichetta che la dice lunga: le finestre colorate dell’azienda in una "esplosione" di colori proprio a voler comunicare una produzione nuova rispetto al passato: se fino ad ora si era dedicata alla creazione di vini fermi, oggi l'azienda vitivinicola si lancia per la prima volta nella bollicina. O il ViVi rosso, blend di Sangiovese, Syrah e Cabernet Franc, che si aggiunge alla linea ViVi, la Rebola che ha visto la sua prima vendemmia nel 2017.

E a proposito di vitigni autoctoni, proprio giovedì scorso è stata presentata la bottiglia “Rimini” nata dal circuito dei produttori uniti per la valorizzazione del vitigno Rebola. I vini Rebola del territorio saranno vestiti dunque della stessa bottiglia, garanzia di un percorso di qualità che consacra la rebola Rimini Doc dei Colli di Rimini: un bianco unico fresco e minerale, riconoscibile nelle varie espressioni che i produttori riminesi hanno impresso alle proprie produzioni e che oggi porta ufficialmente il nome della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vino frizzante made in Rimini vuole fare "Boom", sarà protagonista nella nuova edizione del Vinitaly

RiminiToday è in caricamento