"E' per te", affollata camminata contro la violenza sulle donne

Sono stati tanti, tantissimi le riminesi e i riminesi che sabato pomeriggio hanno voluto partecipare a “E’ per te”, la camminata cittadina organizzata dal Comune di Rimini e dall’Associazione Rompi il Silenzio in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza alle donne giunta alla terza edizione

Sono stati tanti, tantissimi le riminesi e i riminesi che sabato pomeriggio hanno voluto partecipare a “E’ per te”, la camminata cittadina organizzata dal Comune di Rimini e dall’Associazione Rompi il Silenzio in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza alle donne giunta alla terza edizione.

Una camminata densa di valori e significati, una compartecipazione civile per contribuire ad arrestare la scia di violenza e di sangue che continua a perseguitare tante, troppe donne. Una realtà, purtroppo, che le cronache e le denunce rivelano solo in parte. Solo in Emilia Romagna i tredici centri antiviolenza hanno accolto 2.867 donne dal 1° gennaio al 31 ottobre scorso. “Solo ‘Rompi il Silenzio’ – ha detto Paola Gualano, presidente dell’associazione - ne ha seguite fino a oggi 173, un trend purtroppo in linea con quello dello scorso. Sono dati che parlano da soli, ma a cui non voglio dare un’accezione tragica. Significa infatti che le donne cominciano a prendere consapevolezza del fatto che è necessario venire allo scoperto, parlare, farsi assistere, denunciare”.

Partito dalla sede della Casa delle donne di piazza Cavour, il corteo - a cui accanto alle istituzioni hanno aderito tante associazioni, dei borghi, dei comitati e tanti donne e uomini che con la loro partecipazione hanno voluto dar anima alla giornata – è stato aperto dalle fasce tricolori dei rappresentanti dell’intera comunità riminese per poi attraversare tutta la città lungo via Circonvallazione Occidentale, Ponte di Tiberio, Matteotti, via Roma, per proseguire, dopo aver sostato al Ceis, attraverso il Parco Cervi, fino all'Arco di Augusto e, percorrendo Corso d'Augusto, Piazza Cavour dove la musica, con dj set di Marta Musincanta e quella dal vivo dei “Quasi acustika”, e gli interventi di alcuni dei protagonisti dell’iniziativa hanno concluso la giornata.

“Ancora una volta – ha detto l’assessore alle Politiche di Genere Nadia Rossi che ha partecipato all’iniziativa assieme al sindaco Andrea Gnassi - questa città ha dimostrato di avere un cuore grande, rispondendo con una presenza ampia e ricca di differenze ad una forma di violenza che da il segno del grado di civiltà di una società. Una forma di violenza antica, inaccettabile, che mette in discussione la libertà e quindi la vita stessa. Oggi sulle donne e sui loro corpi si gioca una partita pericolosa, che tende a ristabilire dei rapporti di forza vecchi che le donne, negli anni, avevano riequilibrato. Non possiamo permettercelo. Noi andiamo avanti, oggi è stata un'altra bella giornata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento