menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratta da Facebook

Foto tratta da Facebook

"Ha molestato una minorenne", arrestato il sindaco di Casteldelci

Arresti domiciliari nei confronti del sindaco del comune di Casteldelci. Le accuse sono pesantissime: violenza sessuale aggravata e detenzione di materiale pedopornografico. Vittima una ragazzina di 15 anni

Le accuse sono pesantissime: violenza sessuale aggravata e detenzione di materiale pedopornografico. I Carabinieri della Compagnia Novafeltria, insieme ai colleghi della Stazione di Pennabilli, hanno concluso l’operazione denominata convenzionalmente “Aurora”, eseguendo lunedì un’ordinanza di custodia cautelare richiesta dal pm Simone Purgato della Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna e firmata dal gip Andrea Santucci agli arresti domiciliari nei confronti del sindaco del comune di Casteldelci.


VIOLENZA FIN DAL 2002 - L’indagine ha preso avvio nello scorso mese di agosto, quando i militari  sono venuti a conoscenza di presunti abusi sessuali compiuti da Mario Fortini, sindaco del comune di Casteldelci, su una minore di anni 15, che chiameremo con il nome di fantasia “Aurora”). Immediatamente sono scattate le indagini che hanno permesso di ricostruire la vicenda di violenza nei confronti della minore che sarebbe iniziata dal 2002, quando la minore aveva l’età di quattro/cinque anni. Spiegano gli uomini dell'Arma: "la condotta morbosa si sarebbe protratta, stante alle risultanze info-investigative, per anni fino all’ultimo episodio verificatosi nella scorsa primavera". L’attività investigativa, inizialmente coordinata pm Marino Cerioni di Rimini, è poi confluita, per competenza per materia, alla DDA di Bologna, quando è emersa anche l’ipotesi di reato di detenzione di materiale pedopornografico.

ABUSI SESSUALI IN CASA DEL SINDACO - Dall’indagine è emerso, spiega l'Arma, "che la minore per circa dieci anni sarebbe stata costretta a subire atti sessuali, solitamente all’interno dell’abitazione del Fortini e qualche volta anche all’aperto". A seguito delle prime risultanze investigative emerse, i militari della Compagnia di Novafeltria hanno richiesto alla Procura della Repubblica di Rimini, l’emissione di idoneo decreto di perquisizione presso l’abitazione di Fortini, nonché presso gli uffici del municipio di Casteldelci.

MATERIALE PEDOPORNOGRAFICO - Il 6 settembre scorso sono state eseguite le perquisizione richieste dalla magistratura a carico del sindaco, a seguito delle quali sono stati rinvenuti e sequestrati telefoni cellulari, personal computer, pen drive, lettori cd rom, dvd ed altri supporti e materiali informatici, dove è stato trovato materiale pedopornografico. Nel corso delle indagini la minore ha riferito sull’accaduto dell’intera vicenda.

ARRESTI DOMICILIARI - Al termine degli accertamenti, il sindaco è stato accompagnato in casa, dove rimarrà a disposizione della competente autorità giudiziaria. Al sindaco è stato, inoltre, fatto divieto, di comunicare, con qualsiasi altro mezzo anche telefonico e telematico, con minorenni, nonché,  per la durata di sei mesi, con le persone costituenti il nucleo familiare della minore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento