Violenza sessuale con sequestro di persona, arrestato residente della Valmarecchia

Le manette sono scattate all'alba di mercoledì quando i carabinieri sono andati a prelevarlo nella sua abitazione

Un uomo residente nell'Alta Valmarecchia, P.S., di 70 anni ex dipendente del Comune di Milano, è stato arrestato mercoledì mattina per violenza sessuale e sequestro di persona continuato dai carabinieri della stazione di Pennabilli. I militari dell'Arma hanno eseguito un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso nei confronti dell'uomo dall'Ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Pesaro. La vicenda risale a circa 10 anni fa quando il maniaco, marito della nipote della vittima ha approfittato ripetutamente dell'uomo all'epoca 68enne, affetto da dei gravi problemi mentali e invalido al 100%. Nel 2008, a far emergere le squallide e ripetute violenze sessuali, erano stati i responsabili della struttura protetta dove la vittima veniva accudita che, allarmati dagli strani comportamenti, erano riusciti a farsi raccontare i comportamenti dell'ex dipendente comunale. Secondo quanto poi ricostruito in Tribunale il 70enne, che per quattro estati di seguito aveva trascorso le vacanze nel paese dell'alta Valmarecchia, aveva prelevato lo zio della moglie dalla struttura protetta dove si trovava e l’aveva segregato per ore nella sua casa delle vacanze costringendolo a subìre ripetute violenze sessuali.

Alla luce di quanto era emerso durante le indagini, i carabinieri avevano richiesto all’autorità giudiziaria l’emissione di un’ordinanza per l’applicazione di un’idonea misura cautelare nei confronti del 70enne che il 9 maggio del 2008, era stato sottoposto al “divieto di dimora nel Comune di Pennabilli”, come ordinato dal gip del Tribunale di Pesaro. Processato per violenza sessuale aggravata, il 70enne era stato riconosciuto colpevole anche dalla Corte d'Appello di Ancona e condannato a 6 anni di reclusione, decisione confermata anche dalla Cassazione che aveva ritenuto inammissibile il ricorso. Nel frattempo, la vittima, è però deceduta. L'ordine di carcerazione, trasmesso ai carabinieri della Valmarecchia, è stato quindi eseguito nella mattinata di oggi. Alla vista delle divise, che lo dovevano portare nel carcere riminese dei "Casetti", il 70enne è letteralmente caduto dalle nuvole essendo oramai sicuro di averla fatta franca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento