Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Visori notturni e nuova eliambulanza, si rafforza il servizio di Romagna Soccorso

In provincia di Rimini saranno allestite 12 nuove piazzole di atterraggio per permettere interventi anche di notte

Altre 142 aree per il decollo e l’atterraggio delle eliambulanze su tutto il territorio regionale, anche di notte, di cui oltre la metà (83) in zone montane; e un nuovo elicottero dotato di tecnologia NVG (Night Vision Goggles, visori a intensificazione di luce) che consentirà di utilizzare anche basi di atterraggio non illuminate. Per arrivare in tempi sempre più rapidi e sempre più vicino alle persone che hanno bisogno di ricevere un soccorso sanitario tempestivo, in condizioni di emergenza, in cui anche qualche minuto può fare la differenza. Sono le due novità dell’elisoccorso in Emilia-Romagna, un servizio che nel 2017 ha effettuato 3.213 missioni e 1.960 ore di volo. Nato nel 1986 con la prima base, quella di Bologna, a giugno 2017 è stato esteso alle ore notturne (con 17 aree a disposizione per il decollo e l’atterraggio), e ora viene ulteriormente ampliato e rafforzato: si è infatti concluso il percorso di condivisione che ha permesso a Regione, Ausl e Conferenze territoriali socio-sanitarie di raggiungere l’accordo per individuare le 142 nuove aree che diventeranno operative nel biennio 2018-2019. Complessivamente, quindi, l’Emilia-Romagna potrà contare su 159 superfici attrezzate per l’elisoccorso, anche notturno, comprese quelle ospedaliere.

Le nuove aree sono così distribuite: 17 a Piacenza (che ne avrà quindi in totale 18), 21 a Parma (che arriverà complessivamente a quota 23), 19 a Reggio Emilia (21 in totale), 21 a Modena (che arriverà, a fine biennio, ad averne 26), 16 a Bologna e 5 a Imola (con quelle già attive diventeranno 24), 12 a Ferrara (che ne avrà quindi in totale 14), 7 a Ravenna (con quella già attiva diventeranno 8), 12 a Forlì-Cesena (che saranno 13) e 12 a Rimini. Inoltre, già all’inizio dell’estate l’elicottero attualmente in servizio anche di notte verrà sostituito con un nuovo mezzo dotato di visori a intensificazione di luce, tecnologia militare adattata all’uso civile, che permetterà l’utilizzo del mezzo anche su aree di atterraggio non illuminate. Il piano di rafforzamento è stato presentato oggi in Regione, a Bologna, dal presidente e dall’assessore alle Politiche per la salute.

“Nel territorio di Rimini - sottolinea il consigliere del Pd, Nadia Rossi - verranno attivate le nuove aree per il decollo e l’atterraggio anche notturno in questi comuni: Mondaino, Sant’Agata Feltria, Riccione, Ponte Verucchio, Cattolica, Sant’Arcangelo di Romagna, Morciano di Romagna, Casteldelci, San Leo, Bellaria, Novafeltria, Rimini (ospedale). Questa sperimentazione, che lo scorso novembre avevamo sollecitato con specifiche interrogazioni, amplia enormemente la capacità di fornire a tutti i territori tempestivi collegamenti con le strutture sanitarie e ospedaliere attive sui territori e in rete con il volontariato. Soprattutto per le aree montane più difficili da raggiungere in tempi rapidi con il normale servizio di emergenza si tratta di una vera e propria rivoluzione, i cui effetti positivi non si faranno attendere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visori notturni e nuova eliambulanza, si rafforza il servizio di Romagna Soccorso

RiminiToday è in caricamento