Vola bottiglia di vetro nella discoteca, ferita al volto una 17enne

Il Turquoise nuovamente al centro della cronaca nera, adesso rischia la chiusura per l'articolo 100 del Tulps

C'è aria di tempesta sul Turquoise di Rimini nuovamente al centro della cronaca con una minorenne che, nella notte tra sabato e domenica, è rimasta ferita al volto da una bottiglia di vetro. L'allarme è scattato verso le 2 quando, secondo le ricostruzioni, la vittima e le sue amiche avrebbero visto un ragazzo di colore afferrare una bottiglia di vetro e spaccarla con le schegge che hanno colpito la 17enne al volto. Il gruppo di adolescenti ha chiamato il 118, con un'ambulanza arrivata sulla spiaggia per prestare le prime cure alla ferita e poi trasportarla al pronto soccorso per essere medicata, e gli agenti della polizia di Stato. E il personale della Questura, che ha iniziato le ricerche dell'autore del gesto, ha trovato una scena non proprio edificante. Sparsi sui lettini, in preda ai fumi dell'alcol, numerosi minorenni che, a stento, riuscivano a biascicare parole senza senso. Anche il personale che avrebbe dovuto vigilare sulla situazione, secondo quanto riscontrato dalle forze dell'ordine, non era completamente lucido. Del feritore non è stata trovata traccia, ma gli agenti, al termine dei controlli, hanno stilato una accurata relazione e adesso il Turquoise rischia una nuova chiusura per l'articolo 100 del Tulps. Lo stesso locale, lo scorso anno, si era visto sospendere la licenza per aver servito superalcolici ai minorenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento