menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zona rossa, Confcommercio: "Se è lockdown devono chiudere tutti, non si penalizzano solo alcuni"

Gianni Indino: "E servono subito i risarcimenti, la vita del terziario è appesa a un filo"

No ai figli e figliastri del lockdown in Romagna. Gianni Indino, presidente di Confcommercio della Provincia di Rimini, punta il dito contro le disparità di trattamento per le "economie di serie A e di serie B" che si vengono inevitabilmente a creare con l'ingresso delle province romagnole in zona rossa. "La Romagna è entrata in zona rossa e stamattina la prima domanda guardando fuori dalla finestra è 'dove va tutta questa gente, che siamo in zona rossa?' La risposta non l'ho trovata", osserva Indino, critico sul provvedimento di chiusura delle attività deciso anche per la provincia di Rimini. "Se da oggi è lockdown fino al 21 marzo- stigmatizza- non può esserlo solo per qualcuno, non può esserlo solo per alcune attività che si racchiudono in pochissime categorie, come ad esempio parte dei negozi di abbigliamento e calzature, gioiellieri, mobilifici, estetisti e parrucchieri".

Del resto, "nessuna di queste categorie ha mostrato una particolare propensione al diffondersi del contagio e nessuna genera particolari flussi- prosegue- Dove stanno gli elementi di pericolosità quando queste categorie in un anno durissimo e controverso hanno seguito scrupolosamente i protocolli?". Con la politica dei lockdown in definitiva, "si dà solamente una bella spinta al commercio on line- lamenta Indino- mentre nelle città alla crisi terribile in cui versano i pubblici esercizi ora si aggiunge un provvedimento feroce". Tanto che "se non ci saranno subito altri risarcimenti- ammonisce- veloci e sostanziali, la tenuta del sistema è appesa a un filo. Così come la vita dei centri cittadini e delle vie commerciali". Il numero uno di Confcommercio auspica infine che "i sacrifici si facciano tutti insieme, senza acuire diversita' e conflitti, facendo crollare interi settori economici, il terziario in primis, e tutelandone altri". 

indino - confcommercio - marzo 2021-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Alla scoperta dei luoghi della fede: il viaggio è anche online

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento