70 anni di Confartigianato, domenica di festeggiamenti al Grand Hotel con Casini

Mauro Gardenghi è il sesto presidente nella storia della Confartigianato di Rimini: il primo fu Augusto Urbinati, al quale sono seguiti Filippo Capodiferro, Alberto Brighi, Francesco Zavatta e Giorgio Lucchi.

70 anni di Confartigianato a Rimini. Domenica mattina al Grand Hotel di Rimini, una delle più rappresentative associazioni di rappresentanza delle piccole e medie imprese del territorio ha festeggiato il suo compleanno nel corso di una mattinata nella quale sono intervenuti prestigiosi ospiti.
 
A fare gli onori di casa il Presidente Mauro Gardenghi, che ha accolto il Sen. Pierferdinando Casini (attuale Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle banche), Franco Ragonesi (storico Segretario della Confartigianato), Ivano Spallanzani (già presidente della Confartigianato nazionale dal 1988 al 2000), Amilcare Renzi (da maggio 2017 neo Segretario Emilia-Romagna di Confartigianato), Valeria Piccari (Presidente Confartigianato Donna Impresa e membro di giunta della Confederazione nazionale e Gianfranco Terenzi (Presidente Wusme – World Union of Small and Medium Enterprises).
 
“In questi 70 anni la Confartigianato di Rimini – ha detto il Presidente Mauro Gardenghi - è stata protagonista e partecipe delle grandi scelte che hanno sviluppato il territorio. Sarebbe lunghissimo ricordare gli organismi e le persone che sono stati determinanti in ciò, ma oggi idealmente ricordiamo e ringraziamo tutti”.
 
“Ora soffriamo pesantemente di una prolungata crisi economica e finanziaria senza precedenti – ha concluso Gardenghi - e a soffrire è il ceto medio produttivo, condizionato da fattori esterni negativi. Ma senza ceto medio produttivo non c’è democrazia economica, a vantaggio di speculazione, monopoli ed oligopoli dominanti. E senza democrazia economica, la democrazia tutta va in crisi. Noi manteniamo ferma la nostra peculiarità, quella di difendere l’imprenditore, come individuo e come operatore economico, oltre a valorizzare la libera iniziativa privata”.
 
“E’ una strada senza ritorno – ha detto il Sen. Casini - quella che vede il progressivo disgregarsi dei corpi intermedi. La crisi dei partiti ha lasciato il campo a chi sta cercando di costruire un assetto democratico diverso, sarebbe stato e sarebbe più importante pensare di ricostruirli i partiti, fortificare le associazioni, luoghi dove la democrazia ha modo di esprimersi compiutamente. Ci lasciamo attrarre dal giudizio che piccoli, nella dimensione delle imprese, non si può essere, invece è la nostra storia e va rivalutata”.
 
Il Sen. Casini, attuale Presidente della Commissione Parlamentare che indaga sulla crisi delle banche, ha detto: “Non entro nel merito del lavoro che stiamo compiendo, ma è indubbio che la crisi delle banche va introdotta da una riflessione di base: la enorme crisi delle imprese, le difficoltà economiche che attraversano da anni, non poteva non ricadere sulle banche e sulla loro attività come una diretta conseguenza”.
 
Mauro Gardenghi è il sesto presidente nella storia della Confartigianato di Rimini: il primo fu Augusto Urbinati, al quale sono seguiti Filippo Capodiferro, Alberto Brighi, Francesco Zavatta e Giorgio Lucchi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Tremendo schianto in autostrada, un morto e un ferito in gravi condizioni

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Ristoranti aperti solo per i conviventi, Conte: "Chiediamo a tutti di rispettare le regole"

Torna su
RiminiToday è in caricamento