Confesercenti: "Il commercio è in crisi, era ora iniziare a parlarne"

Il presidente provinciale Fabrizio Vagnini interviene dopo l'incontro tra le categorie e l'amministrazione di Riccione

Dopo l'incontro di lunedì in Municipio a Riccione, dove l’assessore alle attività economiche On. Elena Raffaelli ha illustrato alle associazioni di categoria e ai comitati cittadini le operazioni per il rilancio, la salvaguardia e il sostegno del commercio locale, ad intervenire sulla questione è il presidente provinciale di Confesercenti Fabrizio Vagnini. “Il commercio finalmente è al centro del dibattito - spiega Vagnini. - Che il settore sia in crisi è cosa nota, lo conferma anche lo stop al progetto del polo della moda a San Marino. L’aspetto positivo è che ora è al centro dell’attenzione, considerata anche l’importanza strategica che il commercio ha per l’economia locale e per il turismo, del quale è una componente molto importante. A Riccione lunedì si è tenuto un incontro tra l’amministrazione e le categorie economiche: tante le idee messe sul tavolo, come i contributi a fondo perduto per le nuove attività che aprono garantendo di rimanere almeno 3 anni e 8 mesi minimo di apertura annuale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Delle azioni si potrebbero attuare anche per salvaguardare le attività esistenti - prosegue l'esponente di ùconfesercenti - coinvolgendo i proprietari degli immobili per calmierare gli affitti, utilizzando sconti sull’Imu, una misura come hanno adottato altri comuni. Per chi riduce il contratto di affitto del 20 per cento ha uno sconto del 50 per cento, se la riduzione è del 30 per cento l’Imu viene tolta per 3 anni. Oltre agli incentivi a Riccione serve un Piano del Commercio, è vero che le licenze sono libere, ma è necessario dare delle linee di indirizzo per valorizzare gli assi commerciali e le attività esistenti, dal centro al Paese fino a San Lorenzo, dando delle identità precise ed evitando il diffondersi di certe tipologie commerciali di bassa qualità come i bazar. Inoltre collegando tra loro ancora meglio le varie zone commerciali della città, potenziando i percorsi ciclo-pedonali e la segnaletica. Un’opportunità per il commercio locale sono le nuove rotte dell’Aeroporto Fellini di Rimini, in particolare quelle dal Nord Europa. È un’opportunità da prendere al volo, occorre intercettare questi mercati che hanno un’elevata capacità di spesa. Riccione dovrebbe aumentare la promozione in questi paesi valorizzando le proprie peculiarità, in sinergia con la Regione e ad Apt, con l’obiettivo di farsi conoscere in questi mercati ora collegati con voli regolari”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento