Sabato, 19 Giugno 2021
Economia

Agricoltura e produttori riminesi in prima linea per garantire approvvigionamenti alle famiglie

Coldiretti: “Momento duro ma occorre aggrapparsi all'agricoltura e al suo valore strategico per l'intero Paese”

L’emergenza Coronavirus, nonostante tutte le difficoltà che comporta, sta facendo emergere ulteriormente, giorno dopo giorno, la consapevolezza del valore strategico rappresentato dal cibo e dalle necessarie garanzie di qualità e sicurezza”. Lo afferma il Presidente della Coldiretti Rimini Guido Cardelli Masini Palazzi sottolineando che da questo scenario l’Italia, Paese con più controlli e maggiore sostenibilità, potrà trarre certamente beneficio, ma – puntualizza - “occorre invertire la tendenza del passato a sottovalutare il potenziale agricolo nazionale”. Potenziale che è emerso con tutta la sua forza proprio in queste settimane di quarantena durante le quali i nostri agricoltori stanno lavorando duro, in condizioni anche difficili, per garantire le forniture alimentari alla popolazione. “Il modo per ringraziare tutte queste persone del loro sacrificio e forte senso di responsabilità – afferma il Presidente Masini Palazzi - è uno solo: ogni volta che potete chiedete e comprate prodotti italiani e locali!”. Al fine di garantire la minor circolazione delle persone - aggiunge il Direttore di Coldiretti Rimini Anacleto Malara - i soci Coldiretti si sono organizzati per le consegne a domicilio portando direttamente a casa del consumatore la spesa contadina. In questo modo evitiamo al cittadino lunghe file garantendo al contempo cibi di qualità a chilometro zero. 

Con le famiglie costrette a casa per difendersi dal virus, il cibo e la cucina sono sempre di più al centro della vita domestica per questo gli agrichef, i cuochi contadini di Terranostra hanno creato una serie di tutorial e corsi on line a disposizione di tutti sul sito www.campagnamica.it dove spiegano trucchi e segreti della pasta e dei dolci fatti in casa, dei tempi di lievitazione e delle modalità di conservazione e delle materie prime da utilizzare, dalla farina alle uova, dalle verdure ai formaggi, dalla carne alla frutta.

“In queste condizioni di difficoltà estrema, il settore agricolo è sicuramente privilegiato in quanto nonostante tutto possiamo continuare a lavorare nei campi e nelle stalle – evidenzia il Vice Direttore di Coldiretti Rimini Giorgio Ricci – ma di fronte ad una probabile crisi economica a causa del blocco di quasi tutte le attività, oltre agli annunciati e dovuti interventi per sostenere importanti settori dell’economia locale, dal turismo, al commercio, all’artigianato, non bisogna dimenticare di intervenire per salvare importanti settori dell’economia agricola in forte difficoltà a causa del blocco di circolazione delle persone e delle attività ricettive: dal vino al florovivaismo, dagli allevamenti, agli agriturismi”.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agricoltura e produttori riminesi in prima linea per garantire approvvigionamenti alle famiglie

RiminiToday è in caricamento