rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Economia

L'allarme di Federconsumatori: "Si mangia meno carne e pesce, inflazione mai così alta dagli Anni 80"

Un spirale di crisi che si sta innestando, fatta di rinunce, riduzione dei consumi, cali produttivi

L’Istat rileva per il territorio di Rimini nel mese di ottobre una ennesima salita del 3.3% rispetto al mese precedente che attesta  il tasso di inflazione al +12.2 % su base annua, con un +0.4%  rispetto al dato nazionale. Non si registrava una inflazione così alta dai primi anni ‘80. "Un dato estremamente preoccupante, soprattutto se si considera che l’impennata da un lato riguarda il settore energia con variazioni tendenziali del 203,2% su energia elettrica e del 113,9% del gas, combustibili solidi +88.7%, dall’altro il tasso relativo al carrello della spesa, che cresce complessivamente  del +13,2%, in particolare: pane e cereali +14.5 %, carni + 12%, pesci e prodotti ittici +11.3%, latte formaggi e uova +17.2%, oli e grassi 27.6%, frutta + 3%, vegetali + 14.6%", spiega Federconsumatori.

Un spirale di crisi che si sta innestando, fatta di rinunce, riduzione dei consumi, cali produttivi. Una spirale che colpisce e impoverisce l’intero sistema economico. Con l’inflazione a questi livelli l’aggravio per ciascuna famiglia sarà, in termini annui, di +3.500 euro, di cui +800 euro solo nel settore alimentare. "Questi rincari sono particolarmente gravi perché colpiscono in maniera disuguale le famiglie, aumentando le disparità e le disuguaglianze a svantaggio delle famiglie meno abbienti e delle persone socialmente più fragili", scrive Federconsumatori.

Federconsumatori ha rilevato importanti modifiche nelle abitudini delle famiglie: dal calo del consumo di carne e pesce del -16,8% , alla riduzione del consumo di  verdura (che riguarda il 12,9% dei cittadini), al ricorso sempre più assiduo a offerte, sconti, acquisti di prodotti prossimi alla scadenza (abitudine adottata dal 46% dei cittadini). In tale contesto gli sconti del Black Friday assumono un nuovo significato: la maggior parte di chi acquisterà lo farà in vista delle festività natalizie oppure effettuerà acquisti nel settore alimentare. "I dati odierni dimostrano quanto sia urgente e necessario che il Governo intervenga per sostenere le famiglie, specialmente quelle meno abbienti, che sono le più penalizzate dalla crescita inflattiva. La prime risposte contenute del Dl Aiuti quater sono a nostro avviso ancora insufficienti in tal senso: troppo poche le risorse destinate ai cittadini, incomprensibile l’esclusione degli utenti domestici dall’accesso alla rateizzazione delle bollette, manca inoltre ogni riferimento alla sospensione dei distacchi per morosità", dice Federconsumatori.

E in conclusione: "Sono ancora molte le operazioni da mettere in campo se si vuole veramente invertire la rotta di tale andamento, che sta innescando una spirale negativa di crisi e calo della domanda. Chiediamo, pertanto, che il Governo prenda seri provvedimenti di contrasto ai fenomeni speculativi, rafforzando i poteri dell’autorità di vigilanza sui prezzi e istituendo degli Osservatori territoriali dedicati, con la partecipazione attivi delle associazioni dei consumatori. È improrogabile, inoltre, una profonda revisione e riforma delle aliquote Iva, che preveda una sterilizzazione ed un contenimento su tutti i beni primari: secondo le nostre stime si risparmierebbero, in tal modo, 531,57 euro a famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme di Federconsumatori: "Si mangia meno carne e pesce, inflazione mai così alta dagli Anni 80"

RiminiToday è in caricamento