Via libera all’ampliamento dell’impianto produttivo dell’impresa Focchi

Il procedimento è stato attivato sulla base del Decreto 160 del 2010 art.8, ed in conformità a quanto previsto dalla normativa regionale esistente, che consente ad aziende di richiedere l’ampliamento dell’impresa

Foto tratta dal web

La Giunta della Provincia di Rimini ha approvato, rendendolo immediatamente eseguibile, il verbale conclusivo della Conferenza dei Servizi per l’ampliamento dell’impianto produttivo – industriale dell’impresa Focchi. La conferenza dei servizi era stata convocata dallo Sportello Unico delle Attività Produttive dell’Unione dei Comuni Valmarecchia per l’approvazione del progetto di ampliamento dello stabilimento di proprietà dell’impresa “Focchi Immobiliare s.r.l”, in via Cornacchiara 803, nel Comune di Poggio Torriana.

Il procedimento è stato attivato sulla base del Decreto 160 del 2010 art.8, ed in conformità a quanto previsto dalla normativa regionale esistente, che consente ad aziende di richiedere l’ampliamento dell’impresa per soddisfare esigenze economiche connesse al proprio sviluppo, a condizione che si tratti di insediamento produttivo già operante e che l’area da destinare all’ampliamento non possa essere rinvenuta altrove, poiché deve, essere  in stabile e diretto collegamento con quella dell’insediamento principale e da ampliare. Dopo attenta verifica della legittimità del’ipotesi progettuale presentata, la Provincia di Rimini, alla luce dell’istruttoria compiuta e dei pareri espressi dalle diverse autorità competenti, si è espressa con parere favorevole.

L’ampliamento approvato va soprattutto a migliorare il processo industriale del complesso dell’azienda, in funzione di un’ottimizzazione dei servizi connessi alla logistica e le nuove lavorazioni. Nello specifico la proposta approvata un ampliamento del magazzino, in area attualmente conforme alle previsioni del PRG dell’odierno Comune di Poggio Torriana, per complessivi 1782 metri quadrati circa con variante urbanistica. Prevede inoltre la realizzazione di due tettoie rispettivamente per 405 metri quadrati e 1730 metri quadratiutile alla movimentazione delle merci, con contestuali interventi per superfici adibite a verde pubblico, per 2395 metri quadrati; parcheggi ad uso pubblico, per 800 metri quadratied aree private ad uso pubblico per 324 metri quadrati, per miglioramento della viabilità esistente.

L’approvazione del progetto e della conseguente variante, nel rispetto di quanto emerso in sede di Conferenza dei Servizi, produrranno gli effetti dovuti solo a seguito di approvazione da parte del Consiglio Comunale di Poggio Torriana. Per l’Amministrazione provinciale di Rimini “si tratta di un risultato importante che chiude un percorso complesso con il quale si risponde alla richiesta pluriennale da parte di una importante azienda del nostro territorio, permettendo contemporaneamente l’ampliamento delle attività produttive e il rispetto ambientale. Il buon esito finale di oggi non deve però farci dimenticare le lungaggini degli anni precedenti, dovute ad un eccesso di stratificazione burocratica che ingessa eccessivamente decisioni da cui dipendono spesso occasioni di sviluppo aziendale e creazione di nuovi posti di lavoro in loco".    

"Si è avuta molta cura nel progetto di limitare l’impatto ambientale e il progetto approvato in conferenza di servizi recepisce molti miglioramenti richiesti dagli enti interessati - continua l'amministrazione provinciale -. Questo riscontro positivo dimostra che, quando le norme sono finalmente chiare e lo consentono, in pochi mesi si riesce a trovare le migliori soluzioni risolvendo problemi reali che le aziende pongono e alle quali non dare risposta vuol dire perdere lavoro, occasioni di sviluppo e rischiare di perdere imprese che rappresentano l’eccellenza sul nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento