Approvati i bandi provinciali per aiuti alle imprese agricole in zone svantaggiate

La Giunta provinciale, nel corso dell’ultima seduta, ha approvato i bandi pubblici provinciali per l’accesso agli aiuti riservati agli agricoltori operanti in zone svantaggiate di montagna e collina

La Giunta provinciale, nel corso dell’ultima seduta, ha approvato i bandi pubblici provinciali per l’accesso agli aiuti riservati agli agricoltori operanti in zone svantaggiate di montagna e collina. Sono contributi messi a disposizione dal Programma di sviluppo rurale (Psr) dell’Emilia-Romagna (risorse UE), annualità 2013, sulle seguenti Misure: Misura 211 (Indennità agli agricoltori delle zone svantaggiate in aree montane); e Misura 212 (Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane).

“Partecipando a queste due Misure – ha spiegato l’Assessore all’Agricoltura Juri Magrini -, è possibile ottenere un’indennità annuale per ettaro di superficie agricola utilizzata (variabile, a seconda della coltura, da 100 a 200 euro per ettaro), per gli agricoltori che si impegnano a mantenere l’attività agricola per cinque anni, per favorire la permanenza degli insediamenti agricoli nelle zone svantaggiate situate rispettivamente in aree montane (Mis. 211) o in zone diverse da quelle montane (Mis. 212)”.

Per entrambe le Misure si richiede il rispetto delle norme della condizionalità (norme agroambientali) previste dalla Comunità Europea. Il sostegno concesso è diversificato in funzione del tipo di destinazione colturale delle superfici e viene ridotto in funzione della classe di estensione aziendale. Beneficiari sono gli imprenditori agricoli ai sensi dell’articolo 2135 del Codice Civile con età inferiore ai 65 anni conduttori di una superficie minima di 5 ha di SAU, di cui almeno il 50% situata in zone svantaggiate Il requisito anagrafico (età inferiore a 65 anni), per l’annualità cui si riferisce ogni singolo bando, deve essere posseduto alla data di presentazione della domanda di aiuto.

La Misura 211 si applica su tutto il territorio provinciale montano, classificato svantaggiato ai sensi dell’articolo 3, par. 3 della Direttiva 75/268/CEE: in pratica si attua nelle zone svantaggiate dei Comuni parzialmente delimitati di Novafeltria, Talamello, Torriana e Verucchio e nell’intero territorio nei Comuni di Casteldelci, Maiolo, Pennabilli, San Leo e Sant’Agata Feltria.

La Misura 212 si applica su tutto il territorio provinciale collinare, classificato svantaggiato ai sensi dell’art. 3, par. 4 della Direttiva 75/268/CEE: in pratica si attua nell’intero territorio nei Comuni di: Gemmano, Mondaino, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo e Saludecio.

La dotazione finanziaria per i Bandi relativi all’anno 2013 è rispettivamente di Euro 2.571.808 per la Misura 211 e Euro 305.114 per la Misura 212. Le domande dovranno essere presentate, rispettando le procedure operative emanate dall’Organo Pagatore AGREA, entro il 15 maggio 2013. “L’invito mio e dell’Amministrazione Provinciale – conclude Magrini - è quello di rivolgersi ai Centri Autorizzati di Assistenza Agricola (CAA) per non perdere l’opportunità di presentare domanda d’aiuto entro i termini stabiliti.” Per ulteriori informazioni: https://www.agricoltura.provincia.rimini.it/index.html

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Vent'anni fa l'arrivo dal Senegal, la sfida di Sonia: "Apro la mia trattoria romagnola"

  • Emergenza coronavirus al Nord: il prefetto di Rimini convoca un vertice con i sindaci

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • All'urlo di "Coronavirus" si scaglia contro le auto in corsa armato di coltello

Torna su
RiminiToday è in caricamento