Eticredito entra in Banca Carim: firmato l'atto di fusione

In base a quanto previsto dal progetto, tutte le azioni di Eticredito detenute dagli azionisti diversi da Banca Carim saranno concambiate con azioni ordinarie Banca Carim

Eticredito entra in Banca Carim. L'atto di fusione è stato stipulato martedì ed avrà efficacia civilistica dal prossimo 11 ottobre. In base a quanto previsto dal progetto, tutte le azioni di Eticredito detenute dagli azionisti diversi da Banca Carim saranno concambiate con azioni ordinarie Banca Carim, sulla base del rapporto di cambio di 179,676 azioni ordinarie di Banca Carim del valore nominale di 5 euro per ciascuna azione ordinaria di Eticredito del valore nominale di 1.000 euro.

Le azioni di Eticredito detenute da Banca Carim, saranno annullate senza concambio. Il concambio sarà servito mediante l'aumento del capitale sociale di Banca Carim da 234.730.925 euro a 246.145.545 euro con emissione di massime 2.282.924 nuove azioni ordinarie del valore unitario di 5 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento