rotate-mobile
Economia

Azdore romagnole, pasticceri e tecnici docenti: al via una serie di corsi

Al Pasticcere e Cioccolatiere Paolo Staccoli, dell’omonima storica pasticceria di Cattolica, il compito di svelare i segreti del cioccolato e della pralineria, i giorni 10 e 18 febbraio

Ricco di appuntamenti di altissimo livello il calendario formativo dedicato ai Pubblici Esercizi in questi primi mesi dell’anno. I seminari, organizzati da Iscom Emilia Romagna Rimini, sono finanziati per intero da Eburt-Ente Bilaterale del Turismo, che vede la partecipazione della Fipe-Confcommercio e delle organizzazioni sindacali dei lavoratori. Si inizia lunedì prossimo “con le mani in pasta”, la seconda edizione di un ciclo di seminari per imparare a tirare la sfoglia con le azdore romagnole.

Il ‘Ristorante Lazaroun’ di Santarcangelo con Azdora Tina terrà a battesimo il primo seminario dedicato a Tagliatelle e Strozzapreti; si proseguirà il 3 febbraio poi con Cappelletti e Ravioli alla maniera di Azdora Nunzia dell’ ‘Osteria di Puret’ di Riccione; per terminare il 9 febbraio con le Orecchiette e Cappellacci di Vito del ‘Ristorante Frankly’ di Riccione. Dalla pasta al mattarello si passa alla pasticceria, con altri docenti d’eccezione. Al Pasticcere e Cioccolatiere Paolo Staccoli, dell’omonima storica pasticceria di Cattolica, il compito di svelare i segreti del cioccolato e della pralineria, i giorni 10 e 18 febbraio. Tra i due appuntamenti, il 16 febbraio, spetta allo Chef e Pasticcere Franco Aliberti di ‘Evviva dolci e cucina a scarti zero’ di Riccione il compito di illustrare le tecniche per i Piccoli lievitati e i Dolci da colazione.

Il mese di marzo, invece, verrà dedicato alla celiachia. A Chef Luca Zannoni è affidato il compito di guidare gli allievi nel mondo della celiachia, attraverso menù di pesce, carne e vegetariano. Dal reale al virtuale. Tavole imbandite, mestoli, pentole e forni lasciano spazio a web, social network, pc e smartphone. Spetta a Alex Martucci, social media strategic advertiser, il compito di illustrare le tecniche e i segreti dei social per promuovere al meglio la propria attività. Si parte il 4 febbraio con un focus sui social media; per poi passare, nei giorni 9, 10 e 11 febbraio alle modalità di comunicazione nel web e, concludere, con l’advertising il giorno 16 febbraio.

Spiega Gaetano Callà, presidente provinciale della Fipe: “Siamo entusiasti di un calendario formativo così vario e di grande qualità; è un risultato straordinario. Nei momenti di difficoltà come quelli che stiamo vivendo, la formazione dei titolari e dei dipendenti diviene uno strumento fondamentale per qualificare e diversificare la propria offerta. Stiamo inoltre assistendo al consolidarsi di un consumo critico da parte dei clienti, sempre più attenti alla qualità e alla tipologia degli ingredienti utilizzati, alle loro provenienze: le nostre aziende devono essere in grado di dare risposte a tali esigenze”.

“La gratuità dei seminari – continua Callà – è un ulteriore aspetto di grande importanza. I fondi di Eburt sono risorse delle aziende che vengono reinvestite nelle aziende. Un circuito virtuoso che dobbiamo continuare a alimentare e promuovere perché vincente”. “Un altro aspetto rilevante – prosegue il presidente Fipe – è che i colleghi imprenditori e i collaboratori si mettono a disposizione come docenti, ospitando i seminari nelle proprie cucine e nei propri laboratori, raccontando agli allievi i segreti del mestiere”.  “Abbiamo poi pensato ai social network ormai diventati strumenti indispensabili per i pubblici esercizi per catturare e fidelizzare una clientela sempre più social. So che alcuni corsi non sono ancora al completo – conclude il presidente Fipe - quindi invito i colleghi a informarsi rapidamente nelle sedi Confcommercio della Provincia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azdore romagnole, pasticceri e tecnici docenti: al via una serie di corsi

RiminiToday è in caricamento