menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Credito agevolato alle imprese: Banca Carim aderisce alla convenzione nazionale

I finanziamenti spaziano da un minimo di 20.000 ad un massimo di 2 milioni di euro. I fondi stanziati da CDP sono pari a 2,5 miliardi di euro e saranno distribuiti dalle banche aderenti alla convenzione sulla base delle richieste delle imprese

Banca Carim SpA ha aderito alla convenzione con l'Associazione Bancaria Italiana, il Ministero Sviluppo Economico e la Cassa Depositi e Prestiti che consentirà di dar seguito alle operazioni agevolate a favore delle Piccole e Medie Imprese e previste dalla Legge conosciuta come ‘Nuova Sabatini’. Ad oggi sono una quarantina le banche che in Italia hanno deciso di aderire all’importante strumento, utilizzabile da imprese di tutti i settori produttivi per i loro investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali.

I finanziamenti spaziano da un minimo di 20.000 ad un massimo di 2 milioni di euro. I fondi stanziati da Cassa Depositi e Prestiti sono pari a 2,5 miliardi di euro e saranno distribuiti dalle banche aderenti alla convenzione sulla base delle richieste delle imprese. Il plafond potrà essere aumentato con successivi provvedimenti fino a 5 miliardi. “La Nuova Sabatini, prevista dal ‘Decreto del Fare’ – spiega Sido Bonfatti, Presidente di Banca Carim – ha l’obiettivo di accrescere la competitività del sistema produttivo e di migliorare l’accesso al credito da parte delle PMI. Grazie all’impegno congiunto delle Istituzioni all’origine della convenzione, quanto previsto dalla Legge è una risposta concreta alla domanda di credito delle imprese desiderose di innovarsi e di crescere. Banca Carim è organizzata per supportare nel modo migliore coloro che intendono accedere alle opportunità offerte da questa Legge”.

La principale convenienza dello strumento è data dal contributo del 2,75% in conto interessi, finalizzato all’abbattimento del tasso ordinario praticato sul finanziamento e calcolato su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali; durata massima 5 anni. La richiesta di accesso al contributo ministeriale da parte delle imprese avviene con modalità semplici: è sufficiente inviare tramite Posta Elettronica Certificatala relativa domanda e l’attestazione del possesso dei requisiti necessari. Le domande potranno essere presentate all’indirizzo di posta elettronica mutui@pec.bancacarim.it Le Filiali di Banca Carim sono a disposizione per qualsiasi approfondimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica bollette luce e gas: quando e come ottenerla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento