"Basta con i fake a tavola": ecco la petizione popolare di Coldiretti

E' l’obiettivo della raccolta firme a sostegno della petizione #stopcibofalso promossa da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica per chiedere all’Unione Europea di rendere obbligatoria l’indicazione di origine degli alimenti

"Salvare il nostro cibo e rendere trasparente il carrello della spesa": è l’obiettivo della raccolta firme a sostegno della petizione #stopcibofalso promossa da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica per chiedere all’Unione Europea di rendere obbligatoria l’indicazione di origine degli alimenti. "Nonostante i passi avanti, infatti, permangono ancora ampie zone d’ombra per cui ogni giorno rischiano di finire nel piatto alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute, come dimostrano i ripetuti allarmi alimentari", viene evidenziato.

"La contraffazione e la falsificazione dei prodotti alimentari tipici dell’Emilia Romagna costano solo alla nostra regione circa trentamila posti di lavoro, con ‘l’industria del falso made in Emilia Romagna che fattura, solo nell’agroalimentare, oltre 8 miliardi di euro (60 miliardi per l’agroalimentare nazionale) - viene aggiunto -. La lotta al cibo “fake” nel piatto rappresenta, dunque, ormai un’area di intervento prioritaria per recuperare risorse economiche utili al Paese e per generare occupazione". A tal fine, anche Coldiretti Rimini invita tutti i consumatori ad aderire alla petizione firmando non solo presso tutti gli uffici Coldiretti, ma anche nei Punti Campagna Amica.

In particolare fino a sabato è possibile aderire, dalle 9 alle 19, nella Bottega Italiana dell’azienda agricola Sapori Nostrani di Villa Verrucchio, via Garibaldi, angolo Marecchiese. “Bisogna combattere l’inganno globale che causa danni economici e di immagine alle nostre produzioni – afferma il presidente di Coldiretti Rimini Giuseppe Salvioli – per questo è necessario fare chiarezza a livello nazionale ed europeo estendendo a tutti i prodotti l'obbligo di indicare in etichetta l'origine dei prodotti alimentari”. La raccolta firme rivolta alpPresidente del Parlamento Europeo proseguirà fino alla fine di aprile in tutti i mercati, nelle botteghe e negli agriturismi di Campagna Amica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal Galli al Fulgor, Alberto di Monaco: "Avete proprio tutto". E c'è chi gli propone: "Un chiosco di piadina nel principato"

  • Overdose sulla pista da ballo, scatta la chiusura per il Classic Club

  • Quattro bambini piccoli lasciati soli in casa, intervengono vigili del fuoco e polizia

  • Raid vandalico in spiaggia, stabilimento balneare completamente devastato

  • Assembramenti e norme anti-Covid, imposta la chiusura di 5 giorni alla discoteca

  • Notte Rosa, il Samsara anticipa la chiusura per evitare assembramenti: "Non possiamo permetterci multe"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento