Calano del 25% le previsioni di nuove assunzioni da parte delle aziende

Per i giovani con meno di 30 anni riguardano il 26% dei casi, mentre il 12% delle entrate previste è destinato a personale laureato

Sono 10.370 le entrate previste nel territorio Romagna (Forlì-Cesena e Rimini), per i mesi novembre-dicembre 2020 e gennaio 2021, con una flessione rispetto al medesimo periodo 2019 del 25%, 27% considerando il solo mese di novembre (Il borsino precedente riportava un -30%). È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, che elabora previsioni occupazionali. La rilevazione è avvenuta prima delle ultime misure di contenimento della pandemia da Covid-19. Gli ingressi previsti nel solo mese di novembre su base nazionale sono quasi 264.000, di cui 21.800 in Emilia-Romagna e il 15% di questi, pari a 3.300, nell’area Romagna – Forlì-Cesena e Rimini. Ancora Commercio, Servizi, Industria e Costruzioni movimentano gli ingressi più consistenti al netto delle ultime novità introdotte dai recenti DPCM. Va sottolineato, però che le molteplici incognite sul piano economico continuano a pesare in particolare sui programmi delle imprese dei 3 principali settori per entrate previste: i servizi turistici, alloggio e ristorazione (-33,9% le entrate programmate rispetto a novembre 2019), del commercio (-31,3%) e dei servizi alle persone (-10,6%).

Per quanto riguarda il riminese l’indagine, eseguita prima delle ultime misure di contenimento della pandemia da Covid-19, rileva 4.940 entrate previste nel periodo novembre 2020 gennaio 2021, mentre per il solo mese di novembre 2020 sono 1.670. Di queste, il 91% riguardano lavoratori dipendenti e il restante 9% lavoratori non alle dipendenze. Le entrate previste nei principali settori di attività nel mese di novembre 2020 registrano il maggior numero di entrate previste nei servizi di alloggio e ristorazione e servizi turistici (440 nel mese di novembre 2020 e 1.100 nel trimestre novembre 2020-gennaio 2021), ma, come specificato, l’indagine è stata eseguita prima delle ulteriori restrizioni. Il secondo posto è per i servizi alla persona (250 nel mese di novembre e 720 nel trimestre). Seguono, il commercio (240 e 900), le costruzioni (160 e 580) e i servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio (140 e 350). Le previsioni di assunzioni per i giovani con meno di 30 anni riguardano il 26% dei casi, mentre il 12% delle entrate previste è destinato a personale laureato. Il 16% delle entrate previste riguarda dirigenti, specialisti e tecnici, quota inferiore alla media nazionale (22%). Anche in questa rilevazione, un’impresa su tre (30%) continua a prevedere difficoltà a trovare i profili desiderati.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento