Callà, FIPE-Confcommercio: "50mila aziende in crisi, chi ha investito tutto vede compromesso il futuro"

Il presidente della provincia di Rimini: "Per il 96% dei soci le misure del governo sono insufficienti e parziali, chiediamo da subito la possibilità dell’asporto per la ristorazione"

“L’emergenza Covid-19 rischia di diventare il fine vita di molti pubblici esercizi in tutta Italia e in particolare sul nostro territorio che vive di turismo, settore in crisi profonda per le misure di distanziamento sociale. Da una stima del Centro Studi FIPE-Confcommercio – spiega il presidente provinciale Gaetano Callà - il nostro settore rischia la perdita di 21 miliardi di euro di fatturato nel 2020, con il rischio di chiusura definitiva per oltre 50.000 aziende e la perdita di 300.000 posti di lavoro. I freddi numeri sono fatti da una realtà che ci preoccupa davvero: il nostro settore negli ultimi anni ha visto tanti giovani investire tutto e ora intere famiglie si trovano nell’incapacità di avere una prospettiva rischiando di vedere compromesso il loro futuro. La chiusura di un’azienda lascia segni indelebili su numerose famiglie". Una situazione particolarmente critica quella tracciata da Callà che parla di un "quadro avvilente che ci rende oltremodo delusi se sommato alla mancanza di risposte concrete e mirate da parte del governo, giudicate “insufficienti e parziali” dal 96% delle nostre imprese della ristorazione, bar, intrattenimento e discoteche, catering, stabilimenti balneari e fuori casa d’Italia".

La FIPE ha avanzato direttamente, insieme a Confcommercio, numerose richieste alle forze politiche per dare la possibilità a migliaia di imprese di non morire. "Purtroppo - aggiunge Callà - al momento le risposte non sono state quelle sperate. Per questo, continuiamo a chiedere con forza il contributo a fondo perduto per gli esercizi forzatamente chiusi, parametrato all’effettivo fatturato medio degli anni precedenti come indennizzo parziale dei costi sostenuti, la cancellazione dei pagamenti di tutti i tributi locali e nazionali dovuti nel periodo dell’emergenza, un sostegno finanziario al pagamento degli affitti e l’ampliamento del credito d’imposta per tutto l’anno sui canoni di locazione commerciale che includa tutte le tipologie di immobile e l’affitto d’azienda e di ramo d’azienda, più l’intervento su tutti i contratti in essere, compresi quelli con i fornitori. Accanto a queste richieste, come Fipe abbiamo istituito un apposito gruppo di lavoro che sta lavorando anche per la “Fase 2” legata al processo di riapertura delle attività. Chiediamo di essere parte attiva di un piano organizzativo della riapertura, con i tempi e le indicazioni necessari ad organizzare le nostre strutture".

"Chiediamo l’individuazione, da subito, di specifici criteri che definiscano delle misure da adottare per la protezione dei lavoratori e dei clienti, in modo da non dovere anche fare i conti con eventuali speculazioni che vadano ad aumentare i costi di gestione già oltremodo pesanti e che salvaguardino la produttività di impresa e l’occupazione. Per quanto riguarda gli spazi, anche su suolo pubblico, chiediamo alle amministrazioni locali la possibilità di concederne temporaneamente di ulteriori ai pubblici esercizi. Penso agli spazi all’aperto attigui alle attività, o nelle zone a traffico limitato e nelle aree pubbliche, che potrebbero venire utilizzate dagli esercizi per mantenere la propria capacità di lavoro. Il tutto dovrà essere un rilancio a burocrazia e costi zero: le nostre imprese non hanno possibilità di far fronte ad ulteriori adempimenti, né di pagare le imposte locali imponenti come occupazione suolo pubblico e tassa sui rifiuti.
Nell’immediato, chiediamo la possibilità per i nostri ristoranti di lavorare con l’asporto rispettando tutti i parametri di sicurezza. Il take-away con ritiro in loco e consumo presso la propria abitazione, secondo le disposizioni che si usano per fare la spesa, permetterebbe infatti di riaprire da subito altre attività rispetto a quelle che si sono già organizzate per lavorare almeno parzialmente grazie al delivery".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un servizio, quello dei pasti consegnati a domicilio, che ha permesso di rimanere aperte al 15% delle imprese della ristorazione, ognuna delle quali ha fatto registrare un +40% nella domanda di cibo a domicilio. Su richiesta degli associati, come FIPE abbiamo avviato una iniziativa a supporto creando una vetrina digitale dedicata al Delivery per consentire ai locali che erogano il servizio una maggiore visibilità verso i clienti.  Si chiama Ristoacasa.net è una piattaforma gratuita, intuitiva ed integrata con la funzione di geolocalizzazione, che consente di individuare i locali che fanno delivery ed in particolar modo quelli che decidono di gestirlo con i propri mezzi sfruttando le risorse umane aziendali ed evitando di appoggiarsi a fornitori esterni. Mi rincuora – conclude il presidente Callà - che sul nostro territorio numerose attività siano riuscite ad organizzarsi per il delivery, proponendo specialità di ogni tipo, riuscendo così a rimanere sul mercato e permettendo ai clienti di festeggiare questa Santa Pasqua, così diversa dal solito e per molti solitaria, apprezzando la nostra buona cucina e rinfrancandosi un po’ da questa prolungata quarantena. Voglio infine aggiungere il mio personale augurio di Buona Pasqua e quello di tutta la FIPE-Confcommercio, con la speranza che segni per tutti un nuovo punto di partenza e una rinascita personale e professionale”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento