rotate-mobile
Economia

Concessioni, Biagini: "Gnassi come Zucconi e il Pd come Fratelli d’Italia nelle sviolinate ai balneari"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

Leggendo il comunicato stampa dell’onorevole Andrea Gnassi,  non si trovano differenze di sorta tra quanto sostenuto da Fratelli d’Italia, da Forza Italia e la posizione assunta dal PD a livello nazionale in tema dei vergognosi indennizzi da regalare  ai balneari. Miracoli della campagna elettorale. Le leggi regionali che hanno provato a riconoscere al concessionario uscente indennizzi di sorta sono state tutte bocciate dalla Corte Costituzionale con la semplice, motivazione che “il subentro nel rapporto concessorio condizionato al pagamento di un indennizzo in favore del concessionario uscente influisce sulle possibilità di accesso al mercato di riferimento e sulla uniforme regolamentazione dello stesso, potendo costituire, per le imprese diverse dal concessionario uscente, un disincentivo alla partecipazione al concorso che porta all’affidamento” (Vedi: Consulta n. 157-2017 su Legge Regionale Toscana 31/2016 e n. 222-2022 su modifiche Legge Regionale Veneto 33/2002).

La Corte di Giustizia e il Consiglio di Stato si sono già espressi nello stesso modo più volte. Con la follia del riconoscimento di “indennizzi” ai concessionari uscenti, oltre a essere tale modalità in totale contraddizione con le condizioni contrattuali di rinuncia agli stessi firmate ed accettate dai concessionari al momento del rilascio delle (o nel subentro nelle) concessioni medesime, si verrebbe innanzitutto a creare una totale disparità di trattamento tra una zona di spiaggia che la pianificazione urbanistica continua a prevedere in modalità concessoria (dove al concessionario uscente potrebbe succedere un aspirante concessionario) e un’altra zona dove invece la P.A. ritiene di non utilizzarla più in concessione ma la destina alla sua funzione ordinaria e originaria, cioè al libero e gratuito uso dei cittadini.In questo caso, visto che nessuno subentrerà al concessionario uscente, quest’ultimo rimarrebbe senza indennizzo, mentre, ad esempio, il suo collega confinante anche lui sconfitto in gara, prenderebbe l’indennizzo solo perché il Comune ha deciso, nella sua piena discrezionalità, di continuare ad utilizzare quella zona per uso stabilimento balneare. Cittadini di serie A e di serie B. Attenzione perché proprio alla luce di questi meccanismi perversi potrebbe essere “condizionato”, se non eliminato del tutto, il libero uso dei poteri discrezionali della P.A. in sede di pianificazione per quanto concerne l’aumento del numero irrisorio di spiagge libere oggi presenti nei vari comuni. Deriva molto, ma molto pericolosa, visti anche i tanti “Don Abbondio” presenti nei vari consigli comunali che non brillano per coraggio (e per competenza in tale delicata materia).

Gnassi poi dovrebbe ben sapere, dal momento che il percorso l’ha iniziato proprio lui, che, correttamente, il Nuovo Piano dell’Arenile del Comune di Rimini prevede “la tabula rasa” senza previsioni di indennizzi di tutto quello attualmente presente sull’arenile e che i futuri competitor saranno obbligati a presentare nelle gare nuovi progetti conformi al nuovo strumento urbanistico con soluzioni del tutto innovative e che non hanno nulla a che vedere con quelle attualmente presenti sulla sabbia. Da sindaco predicava bene e da parlamentare razzola male. I parlamentari ritengono "elettoralmente" equo indennizzare i "bagnini" ? Che paghino di tasca loro e non certo con i soldi dei contribuenti. Sarebbe una vergogna indelebile!

Roberto Biagini, Coordinamento Nazionale Mare Libero

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessioni, Biagini: "Gnassi come Zucconi e il Pd come Fratelli d’Italia nelle sviolinate ai balneari"

RiminiToday è in caricamento