Confindustria alle banche: "Per le imprese un accesso al credito più agevole"

Secondo i dati di Banca Italia (aggiornati a novembre 2013 e riferiti alla provincia di Rimini) la variazione degli impieghi accordati dalle banche alle imprese private su base annua è del – 5,07%

Lo sviluppo dello sportello Credito Confindustria Rimini e incontri periodici con le banche, per garantire alle imprese, attraverso un continuo rapporto di collaborazione, un accesso al credito più agevole. E' questo il focus dell'incontro che si è tenuto giovedì nella sede di Confindustria Rimini, a conferma di quanto le parti continuino a impegnarsi per cercare insieme una soluzione utile a superare il difficile momento economico, fra i rappresentanti degli industriali e i rappresentanti degli Istituti aderenti allo Sportello Credito Banca Carige Spa, Banca Carim Spa, Banca Monte dei Paschi di Siena Spa, Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Banca Popolare Valconca, Banco Pop. - S.Geminiano e S.Prospero, BCC Banca di Rimini, BCC Banca Malatestiana, BCC Romagna Est, BCC Valmarecchia, Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, Deutsche Bank S.p.A., Gruppo Veneto Banca, Unicredit Banca Spa, Confidi Romagna e Ferrara.

L'attività di collaborazione fra Confindustria Rimini e gli istituti di credito, promossa da diversi anni e intensificata già dai primi segnali della crisi internazionale nel 2008, si sta, infatti, dimostrando efficace al fine di valutare e capire le reciproche esigenze delle parti in causa e di conseguenza, le strade comuni da percorrere. "Il bisogno di liquidità e un accesso al credito più agevole - spiega il presidente di Confindustria Rimini, Paolo Maggioli - rimangono temi prioritari per la sopravvivenza delle aziende del territorio. In questo senso il dialogo fra imprese e banche continua ad essere fondamentale e con l'incontro di oggi è stata segnata un'ulteriore importante tappa per migliorare gli strumenti messi in campo fino ad ora, come lo Sportello Credito Confindustria Rimini, e verificare la possibilità di introdurne di nuovi e sempre più efficaci".  

“Salutiamo con favore il fatto che lo Sportello Credito Confindustria Rimini continui la propria attività arricchendosi anche di nuovi strumenti – proseguono le banche - la scheda informativa con la quale condividere dati e notizie al fine di semplificare la concessione del credito, è stata confermata e integrata dagli istituti, viene rinnovata e riproposta con forza la figura del “facilitatore” (già individuato dalle banche) come punto di riferimento che, insieme a Confindustria Rimini, aiuterà le imprese ad avere risposte puntuali e tempestive alle esigenze delle stesse evitando incomprensioni e perdite di tempo. Si è concordato di ospitare in Associazione incontri “one to one” fra ciascuna banca interessata e le singole aziende su temi specifici di interesse. Ogni banca che lo desidera potrà proporre plafond specifici o strumenti dedicati per facilitare l’accesso al credito alle imprese”

“Anche il Confidi Romagna e Ferrara - dichiara il Direttore Evangelista Castrucci - plaude lo sviluppo dell’iniziativa Sportello Credito Confindustria Rimini e conferma l’impegno del Confidi a mantenere e incentivare il supporto alle piccole e medie imprese del territorio con l’obiettivo di rendere più agevole l’accesso al credito” Nell'incontro le parti hanno deciso di implementare lo Sportello Credito con programma di incontri fra i rappresentanti di Confindustria Rimini e delle banche e con una nuova opportunità per le imprese: la possibilità di un confronto fra le singole aziende e gli istituti di credito, affinché le imprese possano essere messe al corrente delle opportunità di credito e delle migliori offerte di finanziamento proposte dalle banche stesse.

Alcuni dati sullo stato del credito nel territorio di Rimini - Secondo i dati di Banca Italia (aggiornati a novembre 2013 e riferiti alla provincia di Rimini) la variazione degli impieghi accordati dalle banche alle imprese private su base annua è del – 5,07%. Prosegue purtroppo il trend negativo, intervallato da qualche piccolo e sporadico recupero nelle variazioni mensili, ma il dato riferito alla riduzione degli impieghi rispetto agli ultimi due anni (-15%) è preoccupante.

I dati dell'indagine Banca Impresa di Confindustria Rimini (aggiornati a gennaio 2014) rivelano che negli ultimi tre mesi, per il 70,45% del campione, la concessione del credito è stata più selettiva e che per l’82,98% è in atto un razionamento del credito. Tali valori sono i più alti registrati negli ultimi mesi e tra i più elevati fra tutte le rilevazioni svolte. I tempi di attesa per la delibera di concessioni di fidi sono in aumento per il 68,18% delle aziende e il costo del credito è in aumento per il 61,36% delle imprese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento