Crisi, scenari sempre più neri: la ripresa attesa solo nel 2014

La ripresa dovrebbe giungere solo nel 2014, ma la sua ampiezza si ridurrà dall’1,6 all’1,0 per cento. Il Pil scenderà al di sotto dei livelli minimi toccati al culmine della crisi nel 2009

Nel 2013 si accentua la recessione in Emilia-Romagna (-1,1 per cento). Giù i consumi e gli investimenti. La disoccupazione salirà al 7,7%. E’, in sintesi, quanto emerge dall’edizione di giugno dello scenario di previsione macro-economica realizzato da Unioncamere Emilia-Romagna, in collaborazione con Prometeia. L’edizione corrente propone un chiaro peggioramento dello scenario. Si accentua la contrazione del Pil prevista per il 2013, che passa da -0,5 a -1,1%.

La ripresa dovrebbe giungere solo nel 2014, ma la sua ampiezza si ridurrà dall’1,6 all’1,0 per cento. Il Pil scenderà al di sotto dei livelli minimi toccati al culmine della crisi nel 2009. Per l’anno in corso i consumi scenderanno nuovamente più del Pil (-2,2 per cento), la riduzione degli investimenti sarà del 4,7 per cento e, a causa della recessione nei paesi dell’Ue, le esportazioni non cresceranno più del 2,8 per cento. L’andamento regionale risulta leggermente migliore rispetto a quello nazionale. La previsione si fonda su un quadro di lenta crescita, ma di relativo impoverimento per l’insieme dei paesi dell’Unione monetaria europea, tendenze che risultano accentuate nel caso dell’Italia.

L’Economic Outlook dell’Ocse dello scorso 29 maggio, prospetta la crescita mondiale al 3,1 per cento, derivante da un progresso delle economie avanzate dell’1,2 per cento e del 5,5 per cento per i mercati emergenti e i Paesi in sviluppo. Rispetto allo scorso anno, la crescita dovrebbe rallentare sia negli Stati Uniti, all’1,9 per cento, sia in Giappone, all’1,6 per cento. Nell’area dell’euro la recessione risulterà più forte, -0,6 per cento. L’andamento dei singoli paesi non sarà omogeneo. Il Pil in Germania salirà dello 0,4 per cento, in Italia si ridurrà dell’1,8 per cento.

I settori

Nel complesso il 2013 sarà nuovamente un anno di recessione per l’industria, con una flessione del valore aggiunto dell’1,8 per cento. Anche quello delle costruzioni dovrebbe ridursi nuovamente, ma in misura più ampia (-3,1 per cento). Il valore aggiunto del variegato settore dei servizi dovrebbe subire una contenuta contrazione per l’anno in corso (-0,4 per cento).

Il mercato del lavoro

Gli indicatori relativi al mercato del lavoro continuano a prospettare un quadro in progressivo e marcato deterioramento tra il 2012 e il 2014. Il tasso di attività scenderà dal 47,8 al 47,1 per cento. La recessione determinerà una riduzione del numero degli occupati dello 0,7 per cento nel 2013. Il tasso di disoccupazione, che era pari al 2,9 per cento nel 2007, dovrebbe giungere a toccare quest’anno il 7,7 per cento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento