Economia

Crisi economica, la Regione lancia una piattaforma per salvare la moda

L'assessore Colla: "E' un settore fondamentale con una forte presenza femminile. Bene le analisi elaborate dai territori di San Mauro Pascoli e di Rimini"

La filiera della moda "va rilanciata non solo perché è un settore fondamentale dell'economia emiliano-romagnola che porta la bellezza, la creatività e il made in Italy nel mondo, ma anche perché lì sono coinvolte tante aziende artigiane caratterizzate da una forte presenza femminile". Ne è convinto l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla che convocherà aziende, sindacati e istituzioni dei distretti regionali della moda e del calzaturiero "per predisporre insieme una piattaforma per programmare un rilancio di questa importante filiera", anche "facendo alleanze con altre regioni, posizionandoci in relazione al Governo e ai nuovi strumenti di finanziamento".

L'annuncio è arrivato all'incontro del tavolo per l'imprenditoria della Romagna faentina, per discutere le ricadute e le opportunità dopo l'approvazione del nuovo "Patto per il lavoro e per il clima" e del Bilancio 2021-2023 della Regione. La convocazione fa seguito alla richiesta di un Tavolo regionale per il settore della moda, lo scorso 3 febbraio con l'approvazione di una risoluzione all'unanimità in Assemblea legislativa regionale. La filiera del tessile, abbigliamento e calzaturiero oggi "è particolarmente in difficoltà a causa della pandemia- ha detto Colla- I segni meno davanti ai numeri di crescita, fatturato, ordinativi e occupazione ci dicono che questo è il settore manufatturiero più colpito dalla crisi, proprio mentre sta vivendo un grande cambiamento inedito per la filiera, anche in un'ottica green, che riguarda i materiali, i filati, la conceria".

Colla ha aggiunto di aver apprezzato il lavoro che è stato realizzato con il Progetto Carpi, coinvolgendo insieme al tessuto economico e sociale del distretto anche economisti e sociologi, così ha apprezzato come le analisi elaborate dai territori di San Mauro Pascoli e di Rimini. "L'idea di investire nell'economia della conoscenza come base per riprogettare il sistema produttivo e garantire una tenuta sociale, ad esempio, è anche la prima direzione che come Regione ci siamo dati per uscire prima e meglio dalla crisi, come abbiamo scritto nel Patto per il Lavoro e per il Clima". Quelle analisi e considerazioni "saranno utili alla discussione che intendiamo fare, per creare una piattaforma capace di rilanciare la filiera del fashion", ha concluso.

(Agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi economica, la Regione lancia una piattaforma per salvare la moda

RiminiToday è in caricamento