Crisi economica, tanti gli italiani che cercano lavoro come badanti

In 200 si sono presentati agli sportelli del Comune che mettono in contatto la domanda con l'offerta

Sono stati 200 gli italiani che hanno cercato informazioni e lavoro come assistenti famigliari presso lo sportello “l’assistente in famiglia” solo negli ultimi otto mesi del 2016, da maggio a fine dicembre. Lo sportello supporta la persona non autosufficiente e la sua famiglia nella scelta di permanenza nel proprio domicilio e, contemporaneamente, offre sostegno alle assistenti familiari con l'obiettivo di qualificare il loro lavoro di cura, farlo incontrare con le richieste arrivate dalle famiglie e avviare un percorso di progressiva integrazione del loro lavoro nella rete dei servizi socio-sanitari. Uno Sportello dunque che crea welfare ma anche lavoro, incrociando domanda e offerta. Tra gli Italiani che tornano a cercare occupazione in questo settore non ci solo donne, ma anche uomini, che rappresentano circa il 7/8%. Tra essi due tipologie in particolare, giovani appena formati in corsi professionali come quello in operatori socio sanitari (oss) e adulti anche ultracinquantenni fuoriusciti dal mercato del lavoro che faticano a rientrare in altri circuiti occupazionali.

Coerentemente con i precedenti periodi, l’offerta espressa da parte dei cittadini italiani si traduce quasi esclusivamente nella disponibilità di assistenza diurna, elemento che esclude gli stessi da una effettiva integrazione nel mondo del lavoro domiciliare, sempre maggiormente orientato a un tipo di assistenza con vincolo di convivenza, in cui tendenzialmente rimane maggiore la disponibilità di assistenti straniere. Nello stesso periodo (maggio-dicembre2016), oltre ai 200 italiani si sono rivolte allo sportello persone di 43 nazioni differenti tra cui, in particolare, cittadini ucraini (155), rumeni (133), marocchini (67), moldavi (45), albanesi (38 unità). Nel corso di tutto il 2016 sono state complessivamente 601 le assistenti che si sono rivolte allo sportello per la prima volta. Le famiglie che nel 2016 hanno cercato informazioni e disponibilità di assistenti allo sportello sono state 353, 105 in più rispetto l’anno scorso e ben 147 rispetto il 2010, primo anno di riferimento del servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

===> Segue

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento