Crisi, oltre un milione erogati dalle banche nel periodo 2010-2012

“Quelli che presentiamo – commenta Meris Soldati, Assessore alle politiche del lavoro della Provincia di Rimini – sono dati che rappresentano per tante famiglie del nostro territorio un aiuto concreto"

Ammontano a quasi un milione e cinquecento mila euro i finanziamenti concessi dalle banche che hanno aderito al “protocollo sull’anticipazione sociale per il sostegno ai lavoratori ed alle imprese in situazione di crisi”, nel periodo 2010-2012. Le richieste ricevute nello stesso periodo di tempo dagli istituti di credito sono state all’incirca 350.

Nello specifico tali misure riguardano il sostegno ai lavoratori posti in cassa integrazione guadagni straordinaria (cigs) ed in cassa integrazione guadagni straordinaria in deroga (CIGS in deroga), contratti di solidarietà, con pagamento diretto da parte dell’inps. Il protocollo, firmato nel 2010 e aggiornato nel maggio scorso da Provincia, Categorie economiche, Sindacati e Istituti di Credito , nasce dalla consapevolezza che, a causa della crisi economica, molte imprese interessate da interventi di cassa integrazione guadagni ordinaria, straordinaria e da procedure di mobilità non sono in grado, in alcuni casi, di anticiparne il trattamento ai lavoratori, con conseguenti difficoltà economiche per le famiglie coinvolte.

Da qui la proposta di intervenire con forme di anticipazione del trattamento economico che il lavoratore in cassa integrazione vanta nei confronti dell’INPS,  da parte degli Istituti di Credito aderenti al protocollo.

“Quelli che presentiamo – commenta Meris Soldati, Assessore alle politiche del lavoro della Provincia di Rimini – sono dati che rappresentano per tante famiglie del nostro territorio un aiuto concreto, tangibile e significativo. Senza questo strumento il rischio sarebbe stato quello di lasciare questa tipologia di lavoratori senza alcun tipo di stipendio per almeno tre o quattro mesi.   Un aiuto concreto dunque che si inserisce in un contesto più ampio di intervento che vede nel “protocollo per lo sviluppo del territorio”, recentemente aggiornato, la propria cornice di riferimento. Un plauso particolare va rivolto ai sei Istituti di Credito che hanno aderito al protocollo, dimostrando grande partecipazione e sensibilità. Ricordo –conclude l’Assessore Soldati – infatti che tutta l’operazione dell’anticipo cassa integrazione è a  costo zero sia per i lavoratori, che per le aziende coinvolte. Nonostante l’incisività di queste iniziative rimane comunque alta l’attenzione e la preoccupazione per le sorti di un mercato del lavoro che vede tuttora aumentare il numero sia di disoccupati che di richiesta delle varie forme di ammortizzatori sociali” .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento