rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Economia

In dieci anni più residenti, ma perse 1.500 imprese. L'appello di Cna: "Sosteniamo la ripartenza"

“Il valore di Rimini e le strategie della Romagna” si è snodato su questo tema l’assemblea provinciale di Cna Rimini che ha visto anche la partecipazione del sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad

“Il valore di Rimini e le strategie della Romagna” si è snodato su questo tema l’Assemblea Provinciale di Cna Rimini che ha visto anche la partecipazione del Sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad e del Presidente della Camera di Commercio della Romagna Carlo Battistini. Ad aprire i lavori è stato Mirco Galeazzi Presidente di Cna Rimini che ha sottolineato come Covid, crisi energetica ed aumento dei costi delle materie prime rappresentino un concreto rischio sull’esito positivo dei provvedimenti legati al Pnrr e sulla ripresa economica complessiva. Davide Ortalli, direttore di Cna Rimini, ha sottolineato come sia determinante per il territorio la capacità di fare sistema per ottenere risultati e dare risposte ai problemi delle imprese. In questo senso è stato consegnato il documento "Sosteniamo la ripartenza!" elaborato da Cna Rimini insieme a tutte le realtà del sistema di rappresentanza regionale con le priorità da affrontare ed una “roadmap per la crescita” che miri a sostenere l’economia regionale ed il benessere delle comunità.

Il Presidente della Camera di Commercio della Romagna Battistini ha in apertura ricordato come il territorio riminese negli ultimi dieci anni abbia registrato un aumento demografico ma un saldo negativo di 1500 imprese perse. Arrivano però anche numeri incoraggianti sulle prospettive. Al 31 marzo, in provincia di Rimini, risultano attive 2.511 imprese manifatturiere, pari al 7,2% delle imprese attive totali che registrano una sostanziale stabilità (+0,1%) rispetto allo stesso periodo del 2021, contrariamente al trend regionale (-0,4%) e nazionale (-1,3%). Per le imprese manifatturiere della provincia di Rimini si conferma il trend di espansione produttiva: la dinamica delle variabili congiunturali è in netto miglioramento sia in termini tendenziali sia in termini medi annui. Meno performanti i settori legati all’agricoltura, il commercio ed il turismo. Nell’arco degli ultimi 12 mesi le performance produttive appaiono in espansione, specialmente con riferimento ai comparti della meccanica, prodotti in metallo, legno e mobili e alimentare. In crescita anche il fatturato e gli ordinativi, stabile l’occupazione.

Il Sindaco Sadegholvaad dopo aver ricordato i tanti investimenti pubblici su Rimini si è detto favorevole alla richiesta di Cna di mettere in primo piano i privati per la destinazione dei fondi del Pnrr e di come i corpi intermedi siano determinanti nell’individuazione delle strategie complessive per favorire lo sviluppo dell’economia del territorio. Tra le priorità emerse dal tavolo quella di investire nelle infrastrutture legate alla Fiera di Rimini attraverso il prolungamento del percorso del Metromare, il potenziamento dell’aeroporto e di un nuovo casello per dare così ai padiglioni riminesi un carattere sempre più internazionale “Quella è la Fiera di tutta la Romagna” ha sottolineato Battistini ribadendo il forte sostegno alla realtà fieristica della Camera di Commercio della Romagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In dieci anni più residenti, ma perse 1.500 imprese. L'appello di Cna: "Sosteniamo la ripartenza"

RiminiToday è in caricamento