Distretti industriali: numeri positivi per il legno, continua la crisi dell'abbigliamento

Parte con una crescita solo moderata l'export dei distretti dell'Emilia Romagna nei primi 3 mesi del 2015: +0,8%, secondo un ritmo inferiore sia ai distretti italiani (+3%) che al manifatturiero regionale (+4,2%)

Parte con una crescita solo moderata l’export dei distretti dell’Emilia Romagna nei primi 3 mesi del 2015: +0,8%, secondo un ritmo inferiore sia ai distretti italiani (+3%) che al manifatturiero regionale (+4,2%). A condizionare negativamente la performance regionale è stata la battuta d’arresto sui mercati emergenti (-6,2%), che scontano su tutti il crollo delle vendite in Russia (passate da 129 milioni di euro nel primo trimestre 2014 a 88,5 milioni attuali) e su cui pesano l’introduzione delle sanzioni UE a seguito dell’acuirsi della crisi russo-ucraina, e la svalutazione del rublo, che ha avuto effetti in particolare sui distretti specializzati nei beni di consumo. Prosegue, al contrario il trend positivo sui mercati maturi che vedono un’accelerazione delle esportazioni (+4,8%), trainata dalle buone performance osservate sul mercato statunitense (+24,8%).

Sono questi i principali dati che emergono dal Monitor dei distretti industriali dell’Emilia Romagna curato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo per Carisbo, Cariromagna e Banca Monte Parma. “Dall’analisi per singolo distretto emerge un quadro eterogeneo, nel quale si confermano i segnali positivi dei principali distretti della regione. - commenta Luca Severini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo – Nel primo trimestre 10 distretti su 20 hanno chiuso in territorio positivo: ”

E’ proseguito il trend di crescita sia del distretto delle piastrelle di Sassuolo (+3,2%), che ha beneficiato del brillante andamento sul mercato statunitense, sia quello delle macchine per l’imballaggio di Bologna (+3,4%), trainato dalle vendite in Germania, Stati Uniti e Cina. Nel settore della meccanica si contrappongono ai risultati positivi dei distretti dei ciclomotori di Bologna (+1,5%), delle macchine per il legno di Rimini (+9,9%) e delle macchine per l’industria ceramica di Modena e Reggio Emilia (+43,9%, secondo i dati ACIMAC) i dati negativi delle macchine agricole di Modena e Reggio Emilia (-9,5%), della food machinery di Parma (-3,4%) e delle macchine utensili di Piacenza (-5%). Nel settore alimentare prevalgono i segnali positivi, ma non mancano alcune criticità.

Hanno registrato una crescita i salumi del modenese (+8,7%), i salumi di Reggio Emilia (3,7%) e i 3 distretti di Parma: l’alimentare (+9,8%), i salumi (+8,7%), e il lattiero-caseario (+0,7%). In calo invece l’ortofrutta romagnola (-8,3%) e il lattiero caseario di Reggio Emilia (-5,1%). Segnali negativi in tutti i distretti del sistema moda, che scontano in particolare le difficoltà sul mercato russo: la maglieria e abbigliamento di Carpi (-3%), l’abbigliamento di Rimini (-9,8%) e le calzature di San Mauro Pascoli (-4,3%). Prosegue anche il trend negativo delle calzature di Fusignano-Bagnacavallo (-13,3%), che evidenzia un calo su tutti i mercati di riferimento. Dopo l’incremento osservato nel 2014, frena l’export dei mobili imbottiti di Forlì (-3,5%).

Chiudono con una crescita delle esportazioni superiore alla dinamica nazionale i poli tecnologici regionali (+15% versus +1,3%), trainate dal polo biomedicale di Mirandola (+48,3%), che è cresciuto su tutti i più importanti mercati, Francia e Germania in primis. Bene anche il polo ICT di Bologna e Modena (+6,6%), mentre cala l’export del polo biomedicale di Bologna (-10,9%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scenario sul mercato del lavoro, analizzato attraverso i dati di CIG, resta complesso. Nei primi 5 mesi del 2015 il ricorso alle ore di Cassa Integrazione Guadagni delle imprese dei distretti regionali ha evidenziato un ridimensionamento del 7,8% delle ore autorizzate, portando il monte ore a 4,7 milioni, su livelli che rimangono storicamente elevati. Tale trend è il risultato di un andamento contrapposto: al calo contenuto della Cassa ordinaria e di quella in deroga si è contrapposto l’incremento di quella straordinaria, che sottende fenomeni di crisi strutturali, riconducibile a 3 distretti in particolare: le piastrelle di Sassuolo, l’abbigliamento di Rimini e le macchine per l’imballaggio di Bologna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Bimbo muore a nove anni, il sindaco: "Abbiamo perso tutti un pezzo di cuore, ci sarà il lutto cittadino"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento